menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vincenzo Mormile (acdfoggiacalcio.it)

Vincenzo Mormile (acdfoggiacalcio.it)

Grottaglie-Acd Foggia Calcio 4-2, le pagelle: disastro Mormile, si salva solo Giglio

L'estremo difensore autentico protagonista con la papera e il folle gesto con i quali di fatto regala i primi due gol al Grottaglie. Malissimo anche Coccia e Agostinone. L'attaccante ritrova il gol, ma non porta punti

Il Foggia capitola a Grottaglie, in una partita che di fatto segna una delle pagine più tristi della sua storia. Perché a far male, non è tanto l’aver perso contro una squadra mediocre e dalla difesa colabrodo come quella del Grottaglie, ma il modo in cui si è giunti alla sconfitta.

Un 4-2 dai contorni che oscillano tra il grottesco e il folle, soprattutto nei primi due gol dei padroni di casa. In mezzo, la rimonta dal sapore Liedholmiano, a cui ha fatto seguito il crollo finale con altri due errori dei due terzini. Una sconfitta che potrebbe lasciare strascichi e determinare alcune scelte importanti.

Oggi è previsto una riunione tecnica tra dirigenza e società. Si discuterà di mercato, dei giocatori che si dovranno acquistare, perché i soli D’Ambrosio e Compierchio non possono bastare. Quasi certo che Niang andrà via, forse con Mormile, autocondannatosi dopo il folle pomeriggio di ieri. Non dovrebbe essere in pericolo la posizione di Padalino, stando anche alle dichiarazioni a mezzo stampa, rilasciate dalla società la scorsa settimana. Ma è quasi inutile precisare, che tutti, dalla dirigenza ai tifosi, si aspettano risultati ben diversi. 

Grottaglie: Larghezza, Quaranta, Pinto, Lenti (29’st Pignatelli), Danese, Mitrotti, Cristofaro, Vitagliano, Rebecca, Formuso (15’st Silvestroni), Schiavone (33’st Presicci). A disposizione: De Gennaro, Carruezzo, Vasto, Annicchiarico. Allenatore: Pellegrino

Foggia (3-4-2-1) Mormile 3; Basta 5 Esposito 5,5 Cassandro 5; Agostinone 5 (43’pt Micale 6), Quinto 4,5 Agnelli 5 Coccia 5 (1’st Tommaselli 5,5); La Porta 5 (39’st Ferrante s.v.) Palazzo 5,5; Giglio 6,5. A disposizione: Micale, Ginese, Villani, La Torre,  Maimone. All: Pasquale Padalino 4,5

Arbitro: Affatato di Domodossola 6

Mormile 3 – Gli si è perdonato molto, dalle uscite a vuoto ai rinvii ciabattati. Figli dell’età si diceva. Probabilmente gli avremmo perdonato anche lo scivolone sul primo gol. Il gesto folle che segue qualche minuto dopo, resta inconcepibile. Potrebbe essere stata l’ultima sua azione con la maglia del Foggia. Chissà che non sia un bene

Basta 5 – Partita normale, fino a quando Presicci non lo salta come un birillo nell’azione che porta al gol del 3-2. Errore alla lunga decisivo

Esposito 5,5 – Paga l’assenza di Loiacono, sempre più punto fermo della difesa rossonera. Guida una difesa con accanto due terzini, sbandando più di una volta

Cassandro 5 – Come Basta, crolla nel finale. Suo il fallo da rigore che determina il 4-2 finale. Non che nel resto della gara avesse brillato più di tanto

Agostinone 5 – Corpo estraneo già quando gioca nel suo ruolo, figurarsi se lo si impiega come esterno destro di centrocampo nel 3-4-3 proposto da Padalino. Inidoneo peggio del cacio sulla torta di mele.

Quinto 4,5 – Fuori partita anche lui. Passaggi sbagliati, anche i più elementari. Nessun tentativo di dare la scossa ai suoi, nulla che faccia anche solo intuire lo spirito del leader, che dovrebbe possedere

Agnelli 5 – Qualche cosuccia soltanto quando il Foggia spinge alla ricerca del pari. Ma nel complesso non si discosta tanto dalla mediocrità di gruppo

Coccia 4 – Padalino spende un cambio a fine primo tempo, dopo aver già inserito forzatamente Micale. Un motivo ci sarà

La Porta 5 – La sua presenza dovrebbe produrre vantaggi per Giglio. Dovrebbe. Due passi indietro rispetto ad una settimana fa

Palazzo 5,5 – Mezzo voto in più per premiare il tempismo nel tap in che regala il pareggio al Foggia. Non basta a rendere positiva la valutazione di una partita mediocre

Giglio 6,5 – Lottassero tutti come lui, forse la classifica sarebbe leggermente diversa. Torna al gol, e propizia il secondo. In mezzo altre giocate importanti, e un encomiabile impegno. Peccato che non porti punti.

Micale 6 – Prende 3 gol, due rigori, l’altro al quale si poteva fare ben poco. Voto che oscilla tra la stima e la compassione

Tommaselli 5,5 – Meglio di Coccia, ma non è che ci volesse Garrincha. Forse più adatto per il 3-4-3, ma la sua intraprendenza alla lunga si esaurisce senza portare grandi risultati

Ferrante s.v.

Padalino 4,5 – Ennesima prova incolore della sua squadra formato trasferta. Soltanto che questa volta, al pari della gara di Bisceglie, la sua squadra viene umiliata. Beccare 4 gol da una squadra che poche settimane fa ne prendeva 9 dall’Ischia, con all’attivo già 34 reti subite, è un risultato difficile da accettare. Qualche colpa è giusto che la prenda anche lui. Anche perché, escludere Villani, preferendogli Agostinone, insistere su Coccia e Palazzo, sono scelte dell’allenatore. Da domani avrà a disposizione D’Ambrosio e Compierchio, ma per evitare l’anonimato della metà classifica, servono interventi più massicci, e servono anche riflessioni  del tecnico, sulla tattica, e su alcuni uomini

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento