Vince il Gioia del Colle, svaniscono i sogni B2 dell'Euroambiente Manfredonia

"Che l'ultimo ricordo non sia la sconfitta, ma tutto quello che di positivo c'è stato quest'anno"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

I sogni di B2 dell'Euroambiente Manfredonia svaniscono nella palestra comunale "A. Kuoznestsov" di Gioia del Colle, dove la squadra di casa si aggiudica gara 2 della serie playoff e si qualifica per la finalissima contro la Gatti Moda Mesagne.

L'ultima partita stagionale non è stata interpretata dalle atlete sipontine con la dovuta convinzione, limite questo che è risultato fatale negli appuntamenti importanti. Le ragazze guidate da Fabio Delli Carri sono apparse sfiduciate e poco incisive, difficile con questi presupposti riuscire a ribaltare la sconfitta interna subita in gara 1, quando al tiebreak non sono state capitalizzate palle importanti per poter chiudere il match. Al contrario, dall'altra parte della rete, la brasiliana Andrea De Moraes non ci ha mai pensato due volte a chiudere palla in attacco per concludere il punto. Il Manfredonia ha sofferto il Gioia sia nella regular season che nei playoff. Negli scontri diretti, la Geatecno si è mostrata più concreta sia in rifinitura d'attacco che in ricezione e difesa.

In gara 2, le sipontine non sono partite con il piede giusto e in pochi minuti si sono trovate sotto di 7 punti sul turno di battuta dell'opposto brasiliano, complici una difettosa ricezione e un attacco poco determinante contro il muro più basso del Gioia del Colle. Dopo aver recuperato qualche punto, il "non osare in attacco" e il "non provarci in difesa" hanno reso scontato l'esito del set (25-15). Stesso discorso per la seconda frazione, a favore della squadra di casa per 25-21. Una reazione si è vista nel terzo set, allorquando le bianco-azzurre sono riuscite a giocare in scioltezza, vincendo 18-25. Nella quarta frazione l'Euroambiente è salita 3-0, ma ha perso stupidamente il servizio con una palla non imprendibile piazzata sui 5 metri dalla laterale gioiese. A questo punto la ricezione è andata in tilt: Katia Patetta sembrava essersi smarrita, Lucia Fusilli commetteva qualche errore di troppo e anche quando arrivava palla al palleggiatore non si dimostrava di avere lucidità, sia in fase di regia che di conclusione (25-20 il risultato finale per la Geatecno).

Sembra che il tour de force affrontato (in pochi giorni quasi 2.000 km e quattro gare impegnative, di cui tre terminate al tiebreak) abbiano assorbito tutte le energie nervose e fisiche alle atlete. Se si escludono gli incontri contro il Gioia del Colle, il bilancio del'annata resta senza dubbio entusiasmante: oltre al terzo posto nella regular season, resteranno nei ricordi dei tifosi le due supersfide vinte contro la corazzata Corato (vincitrice del nostro girone e già qualificata in serie B2) e la prodigiosa rimonta nel primo turno playoff contro l'Ugento (da 0-1 a 2-1 con due vittorie sul difficile parquet salentino).

Queste le parole del direttore sportivo Franco Murgo al termine dell'ultimo match: "Anche questa stagione sportiva è terminata. E' stata comunque una buona annata, anche se in tutta franchezza speravamo in qualcosa di più. Non è andata come desideravamo ma tutti, atleti, tecnici e dirigenti, abbiamo davvero dato il massimo per la nostra società. Sicuramente qualche sbaglio l'abbiamo commesso, ma non ce ne vogliano quelli sempre pronti a fucilarci, l'abbiamo fatto con onestà e in buonafede. Spero che questa società sia pronta a ricominciare un'altra annata importante e ringrazio di cuore le ragazze che con mille sacrifici hanno dato lustro a questa maglia. Per me, la mia squadra è come la mia famiglia".

Sibillino, invece, mister Delli Carri: "Non abbiamo centrato l'obiettivo promozione e adesso è tempo di riflessioni. Certo, per riprovarci occorrono motivazioni e queste motivazioni devono superare le aspettative passate. Di positivo c'è che abbiamo creato entusiasmo, si è parlato per un anno di volley da protagonisti, la gente si è avvicinata a noi, il PalaDante ci è sembrato stretto. Non accadeva da tempo che tifosi doc ci seguissero anche in trasferta facendoci sentire il loro calore. La società continuerà ad andare avanti, abbiamo un gruppo U14 molto interessante e durante tutta l'estate lavorerò con loro. Sul mio futuro in prima squadra, vedrò…".

Così, invece, la centrale Raffaella Papagno chiude il sipario sul campionato 2011/2012: "Che l'ultimo ricordo non sia la sconfitta, ma tutto quello che di positivo c'è stato quest'anno". E di positivo, come tutti i tifosi sanno, c'è stato davvero tanto.

 

A.S.D. New Volley Geatecno Gioia del Colle-A.S.D. Euroambiente Volley Manfredonia 3-1 (25-15/25-21/18-25/25-20)

 

Michelangelo Ciuffreda - Responsabile ufficio stampa A.S.D. Volley Euroambiente Manfredonia

(Foto di Lucia Melcarne)

Torna su
FoggiaToday è in caricamento