San Severo in D, Gigi Marino: "Campionato intenso ma stiamo già costruendo il futuro"

Il ds giallogranata "rilegge" l'intera stagione con alcune importanti anticipazioni per il prossimo campionato

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

"Una stagione piena di difficoltà, strana, intensa con tanti alti e bassi e un finale al cardiopalma". Così Gigi Marino, direttore sportivo dell'Usd San Severo calcio, riassume la stagione appena terminata con un pareggio (2-2) in casa con il Serpentara che, per i giallogranata, ha significato la permanenza in serie D.

"Il pareggio col Serpentara è stato l'epilogo emblematico di un campionato che ci ha visti prima sfiorare la zona playoff per poi rischiare di essere risucchiati nella zona retrocessione". Proprio su questa girandola vorticosa di colpi di scena il Ds giallogranata si sofferma con maggiore attenzione. "Forse l'inizio campionato ci ha illusi ed in molti è subentrato una sorte di appagamento o di paura tipo "braccino del tennista". O più semplicemente ci siamo ritrovati ad occupare una posizione di classifica al di là delle nostre possibilità".

"Sta di fatto che, poi, abbiamo attraversato un mese orribile che ci ha visti sprofondare in una zona al di sotto delle nostre potenzialità. In ogni caso è stato un campionato davvero intenso che ci ha consentito di acquisire molta molta esperienza per il prossimo anno". Un campionato, quello appena archiviato che, per i giallogranata porterà sempre la firma indelebile di Davide Evacuo con i suoi 24 gol. "I numeri parlano chiaro. Evacuo è un ottimo giocatore ma i suoi successi portano anche la firma di tutta la squadra che lo ha sempre sostenuto", spiega Marino.

Ora l'ambiente giallogranata si gode la festa per la salvezza ma il Ds sa benissimo che il prossimo campionato è dietro l'angolo e che il calcio non si ferma mai: "Posso assicurare fin da ora ai tifosi che la presenza di Paolo Dell'Erba, congiunta con gli sforzi degli altri soci, ci permetterà di costruire una squadra ancora più forte che, ci auguriamo, potrà giocare in uno stadio finalmente consono. Stiamo vagliando anche altri due importanti progetti già sul campo (nuovo contenitore polifunzionale e squadra dell'Alto Tavoliere) anche alla luce di possibili interessi sul versante Apricena-Alto Tavoliere. Tutte le opzioni sono aperte e possibili. Ma ciò che più conta è salvaguardare e consolidare il patrimonio sportivo che questa squadra rappresenta".

Torna su
FoggiaToday è in caricamento