Lunedì, 18 Ottobre 2021
Sport

Foggia-Tuttocuoio, le pagelle: Narciso, Venitucci e Sciannamè decisivi

Il portiere salva il risultato con un miracolo su Ferrari. Grande prestazione del fantasista e del difensore, al di là delle reti realizzate. Giglio generoso ma sciupone

Si soffre ma si vince. Il Foggia incarna alla perfezione l’immagine di un campionato strano, nel quale nulla è scontato, e ogni punto deve essere conquistato con il sudore. Venitucci e Sciannamè sono gli eroi di giornata nel piovoso pomeriggio che colora lo “Zac”, sempre rumoroso e caloroso per sostenere i propri beniamini, soprattutto nei momenti più duri, quando la pressione del Tuttocuoio da intensa era diventata soffocante. Oggi,  come tutte le domeniche, hanno vinto anche loro.

FOGGIA (3-4-3) Narciso 7; Loiacono 5,5 D’Angelo 6 Sciannamè 7; Colombaretti 5,5 Quinto 6 Sicurella 6,5 D’Allocco 6,5; Venitucci 7 (34’st Leonetti s.v.) Giglio 5,5 Cavallaro 6,5 (23’st Forte 6). A disposizione: Micale, Saverise, Pambianchi, Grea, Curcio. All. Padalino 6,5?

Narciso 7 – Salzano lo stuzzica con un paio di tiri velenosi, lui gli fa capire che serve altro. Nulla può sul gol di Catanese, poi merita la canonizzazione con la fenomenale parata su Ferrari

Loiacono 5,5 – Bene nel primo tempo, soffre nella ripresa, come certifica il modo in cui Rosati lo salta in occasione del gol degli ospiti

D’Angelo 6,5 – Attento e concentrato, a tratti anche troppo duro (rimedia un giallo per un fallo duro a centrocampo), ma guadagna punti e attestati di stima

Sciannamè 7 – E’ la sua giornata. Interventi che infiammano la platea, un grandissimo gol, e una spettacolare traversa che gli nega la gioia della doppietta, in un pomeriggio da ricordare a lungo

Colombaretti 6 – Nel primo tempo, la pressione degli ospiti, lo costringe più a fare il quinto in difesa, che l’esterno di centrocampo. Spinge di più nella ripresa, quando trova qualche spazio nelle ripartenze

Quinto 6 – Parte bene gestendo la palla con perizia, e mantenendo la calma nei momenti di maggiore tensione. Cala alla distanza, ma la sua prova resta positiva

Sicurella 6,5 – Arduo compito, quello di sostituire Agnelli. Si disimpegna bene, rincorrendo gli avversari, e concedendosi anche qualche sventagliata di qualità. Chiude come trequartista a supporto delle due punte   

D’Allocco 6,5 – Infaticabile per come si spende tra il ruolo di terzino e di supporto alla fase di spinta. Avvia l’azione del gol di Venitucci, e mette pezze dovunque. Maratoneta

Venitucci 7 – Pronti via, segna subito il gol spacca partita. Avrebbe tanto spazio per far male ancora, ma non sempre viene assecondato. Bacci gli nega il gol con un miracolo, ma sul successivo corner, segna Sciannamè

Giglio 5,5 – Gli errori sono direttamente proporzionali all’impegno. Gioca e si sbatte, però quando hai le occasioni, devi sfruttarle

Cavallaro 6,5 – Parte in contropiede, e sembra quasi che il pubblico gli chiami il passaggio a Venitucci, paventando un’azione da solista. Ogni tanto si lascia travolgere dall’innato istinto della giocata, ma è molto più vicino al Cavallaro che ha fatto innamorare una città, rispetto a quello egoista e un po’ irritante delle ultime uscite. Si arrabbia per il cambio, e riceve un plebiscito di consensi dallo stadio, legittimi

Forte 6 – Difficile entrare con un pubblico che boccia la scelta del tecnico, (oggetto della protesta, il sostituito non il subentrante). Lui sembra non farci caso, si piazza sul centrosinistra, e si propone con personalità. Dispensa qualche buon pallone, e sfiora anche uno spettacolare gol

Padalino 6,5 – Decide di lasciare l’iniziativa al Tuttocuoio, e ha ragione, perché fa male in contropiede dopo pochi minuti. Lascia perplessi la scelta di rinunciare ad un contropiedista come Cavallaro, in un momento in cui il Foggia attaccava solo di rimessa. Di positivo c’è il ritorno alla vittoria, il +10 sul nono posto, e la vetta di nuovo ad un passo. E scusate se è poco 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia-Tuttocuoio, le pagelle: Narciso, Venitucci e Sciannamè decisivi

FoggiaToday è in caricamento