Sport

Foggia-Pisa, lo 'Zac' è un'arena rossonera: "Pronti a giocare come se non ci fosse un domani"

Le strade di Foggia sono deserte, il cuore della città pulsa all'unisono sulle gradinate dello stadio Zaccheria. Alle 18, il fischio d'inizio dell'attesissima Foggia-Pisa, finale di ritorno dei playoff di Lega pro

Manca poco. Le strade di Foggia sono deserte, il cuore della città pulsa all'unisono sulle gradinate dello stadio Zaccheria. Alle 18, il fischio d'inizio dell'attesissima Foggia-Pisa, finale di ritorno dei playoff di Lega pro. Qui si scrive la storia.

Foggia ci crede. Si parte da quel cocente 4 a 2 dei pisani e Roberto De Zerbi incita i suoi diavoli rossoneri "a giocare come se fosse l’ultima partita della nostra vita, come se non ci fosse un domani". L'impresa è difficile, ma non impossibile. C’è un gap di due gol da colmare. Tutta la città sostiene la sua squadra, i suoi colori. Sugli spalti, i tifosi di sempre col cuore in gola. L'esercito dei diciassettemila si prepara a sostenere la truppa di De Zerbi. Ma tanti altri sono pronti a seguire i propri colori, da vari angoli dello stivale e non solo. C’è un gap di due gol da colmare, c’è una città intera da far sognare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia-Pisa, lo 'Zac' è un'arena rossonera: "Pronti a giocare come se non ci fosse un domani"

FoggiaToday è in caricamento