rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Sport

Molte emozioni, zero gol. Pari allo "Zac" tra Foggia e Matera

Buona prova dei rossoneri, che sfiorano in diverse occasioni il gol, ma rischiano anche di capitolare sia nel primo che nel secondo tempo. Nel finale, Iemmello non sfrutta un errore dell'estremo difensore

Finisce in parità la sfida tra Foggia e Matera, due squadre che anche dopo il confronto di oggi pomeriggio continuano stare a braccetto in classifica con 22 punti, ma vedono allontanarsi le formazioni di alta classifica, complici i successi di Lecce e Juve Stabia.

Soltanto le contingenze impediscono al risultato di sbloccarsi. Foggia e Matera se la giocano a viso aperto, con ritmi elevati che conducono spesso ad alcuni errori, ma anche a repentini cambi di fronte, oltre ad alcune azioni di pregevole fattura. Soltanto in due occasioni però gli estremi difensori se la vedono brutta, al 33’ quando Iemmello converge sul sinistro e costringe Baiocco alla grande respinta, e al 39’ quando Micale in uscita battezza male il rimbalzo del pallone, mandando Pagliarini a calciare a porta vuota, ma è bravo Gigliotti prima, poi lo stesso Micale, e chiudere scongiurando il gol.
Pur privo ancora di Quinto (che poco prima del calcio d’inizio ha dato forfait) il Foggia comanda le operazioni, ben guidato da un sontuoso Agnelli, prezioso anche in fase di interdizione. In attacco, Sarno è il più ispirato, protagonista soprattutto nella prima parte del primo tempo, con alcune giocate di classe. Le cose vanno meno bene in difesa, dove Bencivenga e Agostinone non sempre sembrano impeccabili in ripiegamento.

LE PAGELLE

SECONDO TEMPO – L’inizio di ripresa fa presagire ancora più spettacolo. Il Foggia sembra più padrone del gioco, mentre il Matera appare più propenso al gioco di rimessa. Al 7’, Gigliotti ha sul sinistro l’occasione d’oro, ma la sua ribattuta a pochi metri dalla porta, su punizione di Sarno, si infrange clamorosamente contro il palo. Cinque minuti dopo, prima Agnelli su punizione impegna Baiocco, poi a Iemmello viene annullato un gol. Sul capovolgimento di fronte, tocca a Micale compiere il mircaolo sulla deviazione sotto porta di Letizia. E’ una partita a cui mancano i gol, ma le emozioni si accavallano, almeno fino alla prima metà della ripresa, fin quando cioè le energie sorreggono i ventidue in campo. L’ultima parte sarà caratterizzata da molti errori, due errori dei portieri (uno per parte) che per poco non costano carissimo alle rispettive squadre. A poco servono gli innesti di Sainz Maza, Leonetti e Bollino per il Foggia, e di Turchetta, Guerra e Iannini per il Matera. Il derby personale dell’indimenticato Mancini, si chiude con il più salomonico dei risultati.

FOGGIA (4-3-3) Micale; Bencivenga, Potenza, Gigliotti, Agostinone; Sicurella (29’st Sainz Maza), Agnelli, D’Allocco; Sarno (42’st Bollino), Iemmello, Cavallaro (34’st Leonetti). A disposizione: Tarolli, Loiacono, Grea, Curcio. All: Giuseppe Brescia (De Zerbi squalificato).

MATERA (3-4-3) Baiocco; Faisca, De Franco, Mucciante; Bernardi, Coletti, Di Noia, Mazzarani; Pagliarini (45’st Iannini), Letizia (23’st Turchetta), Madonia (29’st Guerra). A disposizione: Bifulco, Pino, D’Angelo, D’Aiello. All: Gaetano Auteri.

ARBITRO: Cifelli di Campobasso

AMMONITI: Mazzarani (M), Mucciante (M), Bencivenga (F), De Franco (M), Agnelli (F), D’Allocco (F),

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molte emozioni, zero gol. Pari allo "Zac" tra Foggia e Matera

FoggiaToday è in caricamento