Santoro ne fa tre, Anelli due. Doppia rimonta rossonera: gol, rossi ed emozioni allo Zaccheria

Un rigore di Gentile al 38' della ripresa fissa il risultato finale sul 3-3. Rossoneri subito sotto in avvio con il centravanti (nativo di San Giovanni Rotondo) al 3'. Al 17' il raddoppio. Al 35' Anelli accorcia prima della tripletta di Santoro. Nella ripresa ancora Anelli avvia la rimonta completata dal capitano

Una infinità di emozioni e colpi di scena ha caratterizzato il pomeriggio allo 'Zaccheria', dove Foggia e Gravina hanno dato vita a una partita scoppiettante. È finita 3-3, risultato tutto sommato giusto per quanto visto. 

Bene il Gravina, trascinata da uno strepitoso Domenico Santoro, 24enne di San Giovanni Rotondo, e autore di una tripletta di pregevole fattura. È lui a sbloccarla subito al 3' minuto con un bel destro a giro che tocca il palo e si insacca alle spalle di un Fumagalli gelato. 

Gelato è anche il Foggia, che capitola nuovamente al 17', stavolta il gol di Santoro arriva con una precisa deviazione su cross di Chiaradia. Il Foggia accusa il colpo e deve anche rinunciare a Viscomi che rimedia un colpo alla testa (per lui trauma commotivo, ma è lucido e sta bene, ndr) e cede il posto ad Anelli. Un segno del destino. 

Proprio il difensore ex Como accorcia sugli sviluppi di un calcio piazzato, raccogliendo un preciso assist di Tortori. Ma è ancora Santoro a portarsi a casa il pallone con un diagonale preciso dalla destra che fulmina Fumagalli, e porta le squadre all'intervallo sul 3-1 per gli ospiti. 

A inizio ripresa Ninni Corda rivoluziona la formazione, inserendo Staiano, Iadaresta e Cadili per Kourfalidis, Russo e Di Masi. Cambi che producono gli effetti sperati. Anche perché il Gravina resta in dieci per il rosso rimediato da Di Modugno per doppia ammonizione, avviando l'assedio rossonero. Alla mezz'ora è ancora Anelli a gonfiare la rete avversaria, beneficiando di un errore dell'estremo difensore avversario. Otto minuti dopo arriva anche il pari: lo firma Gentile (terza rete in quattro gare) su penalty concesso per un fallo su Iadaresta, che ha scatenato le contestazioni dei calciatori avversari. Proteste che portano Chiaradia sotto la doccia per proteste. Con due uomini di vantaggio il Foggia tenta addirittura il colpaccio, ma non vanno oltre un tentativo di Salatino dal limite. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Testimonianza choc, la compagna del 38enne ucciso: "E' stato il bambino". Giornalista costretto a cancellare immagini

Torna su
FoggiaToday è in caricamento