menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La presentazione di Iemmello

La presentazione di Iemmello

Il ritorno del 'Re' : "Ho spinto per tornare a Foggia. Galano e Mazzeo? Possiamo coesistere"

L'attaccante torna in rossonero: "La concorrenza non mi spaventa. È importante che la squadra abbia delle alternative. Non si possono avere solo 11 giocatori, possiamo giocare anche in 4 in attacco, vogliamo vincere"

Pietro Iemmello torna al "suo" Foggia. Per la gioia di tutti. "E' un piacere per me presentare il ritorno di Pietro. Un piacere che abbia insistito per venire qui, rinunciando a molto", esordisce in apertura della conferenza stampa di presentazione dell'attaccante, il DS rossonero Luca Nember.

"Gli va dato atto: è sempre stato un pallino della famiglia Sannella che sta supportando il mio lavoro. E ringrazio loro per avermi dato la possibilità di avviare questo progetto biennale, che punta a portare la squadra dove è già stata in passato", continua il DS in attesa della presentazione ufficiale della squadra, questa sera con Pio e Amedeo. Iemmello quindi torna ad indossare i colori rossoneri, che tanto ha amato e continua ad amare. "Foggia è una piazza importante per me, per quello che mi ha dato", confida. "Sono stato io a spingere per tornare qui, e la società ha creato le condizioni opportune per consentire questo ritorno. Mi ci vorranno circa 2 settimane per tornare in forma: purtroppo, sono reduce da una stagione condizionata da molti infortuni".

Foggia, mercato da top team. Ma la difesa?

'L'operazione Iemmello' - viene svelato - è partita 2 anni fa e completata solo la scorsa settimana. A spiegarne i dettagli è lo stesso Nember: "Già tre stagioni fa, De zerbi mi contattò affinché comprassi Iemmello per il Chievo, per poi girarlo in prestito al Foggia. Ma lo Spezia rilanciò e non se ne fece più nulla". Sulla squadra che scenderà in campo per la stagione sportiva ormai alle porte l'attaccante spiega: "La concorrenza non mi spaventa. È importante che la squadra abbia delle alternative. Non si possono avere solo 11 giocatori. Il tridente con Mazzeo e Galano? Possiamo giocare insieme, ma ci sono tanti altri giocatori dello stesso livello. Possiamo giocare anche in 4 in attacco, vogliamo vincere".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento