rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Sport

Flussi anomali per una “combine” (anomala): il Foggia querela Federbet

Per Federbet l’incontro tra Foggia e Andria è “un nuovo caso di combine”. La società rossonera ha querelato l’organismo e il suo segretario

Se è vero – come sostiene Federbet – che la vittoria del Foggia contro l’Andria puzza di combine, è altrettanto vero che la scrittura a tavolino della trama di una partita di calcio combinata, difficilmente prevede un gol negli ultimi secondi dell’ultimo minuto di recupero. Si fa davvero fatica a pensare – figuriamoci a credere - che la rete di petto di Iemmello, frutto peraltro di un’azione di gioco fantastica, possa essere il finale da brivido di un accordo sottotraccia.

Andrebbe dato merito agli scommettitori live di aver creduto nella vittoria del Foggia di misura, assicurandosi un rischio superato soltanto in zona Cesarini. Quindi, cosa non giustificherebbe la scelta degli scommettitori di puntare sul risultato di 1 a 0?  Vada per l’anomala oscillazione della quota denunciata da Federbet, dato incontrovertibile, ma è sufficiente stabilire che la sua drastica diminuzione - tra il trentesimo e il quarantacinquesimo del primo tempo da 2 a 1.40 – “senza che vi fossero motivi che lo potessero giustificare” sia il frutto di una combine?

E se qualcuno fosse piombato nel passato come fece l’anziano Biff in ‘Ritorno al Futuro’ e avesse consegnato un almanacco con il risultato finale di Foggia vs Fidelis Andria? Domanda sui generis, ma a questo punto, d’obbligo.

Nel frattempo la società rossonera ha presentato querela nei confronti di Federbet e del suo segretario: “L'onestà e il rispetto delle regole sono valori fondamentali per il Foggia Calcio e, nessuno, può permettersi impunemente di avanzare illazioni o sospetti su un sodalizio e su una squadra che vogliono conquistare sul campo i successi ed i traguardi che si sono prefissi”

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flussi anomali per una “combine” (anomala): il Foggia querela Federbet

FoggiaToday è in caricamento