Caso biglietti, il Foggia Calcio e i Sannella “delusi e amareggiati da una piccola parte di tifosi”

La società rossonera condanna ogni tipo di attività illecita nella rivendita dei tagliandi validi per la semifinale di ritorno playoff contro il Foggia

Foto dal sito ufficiale del Foggia Calcio

Mentre non si placano le polemiche sulla corsa ai biglietti e per migliaia di tifosi resta l’amarezza di non poter seguire il Foggia allo stadio, la società rossonera esce allo scoperto e prova a far chiarezza sul caso, a partire dai tagliandi “pagati” che la società si è riservata per la semifinale di ritorno playoff contro il Lecce: “Rappresenta una quantità minima”.

BIGLIETTI FOGGIA-LECCE, LE POLEMICHE

Il Foggia Calcio e in particolare i fratelli Sannella, nel sottolineare che “il disguido nelle vendite si è, dunque, creato a fronte di una domanda di biglietti di gran lunga superiore rispetto alla capienza dello stadio”, si dicono “profondamente delusi ed amareggiati da quella piccola parte di tifosi che ha denigrato il loro operato nonostante il cospicuo investimento e il notevole impegno profuso durante tutta la stagione calcistica”.

Infine, “condanna fermamente ogni tipo di attività illecita nella rivendita dei tagliandi e pertanto invita tutti coloro che ne siano a conoscenza a denunciare siffatte attività alle autorità competenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento