rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Sport

Galano riparte da Pescara: l'attaccante foggiano firma un triennale con gli abruzzesi

L'attaccante si trasferisce a titolo definitivo dal Parma (che lo aveva prestato al Foggia). Da dimenticare la sua prima e unica stagione in rossonero

In attesa che la Covisoc certifichi il mancato pagamento degli stipendi e bocci formalmente la domanda di iscrizione del Foggia al campionato di Serie C, è già cominciato l'esodo dei calciatori che hanno vestito la maglia rossonera nella stagione da poco conclusa. 

Il primo giocatore a cambiare casacca è Cristian Galano. Il classe 1991 è passato ufficialmente al Pescara, con cui ha firmato un contratto di tre anni. Galano arriva formalmente dal Parma, squadra proprietaria del suo cartellino - che lo aveva prestato al Foggia (con diritto di riscatto) - in cambio dei giovani Pavone e Martella. 

Per l'attaccante foggiano è durata solo un anno l'esperienza nella squadra della sua città, dopo un lunghissimo corteggiamento, che non ha trovato il riscontro che tutti si aspettavano in termini di prestazioni. 3 gol in 21 presenze, il magro score dell'ex Bari e Vicenza, in una stagione caratterizzata da prestazioni quasi mai al di sopra della sufficienza, tra equivoci tattici e un feeling con il tecnico Grassadonia mai sbocciato. A chiudere mestamente la sua avventura, anche il clamoroso errore sotto porta nell'ultima gara di campionato col Verona, pochi minuti prima che gli scaligeri realizzassero il gol del 2-1 che condannò i rossoneri alla retrocessione. 

Galano ha deciso di ripartire da Pescara, un'altra storica rivale del Foggia. Una scelta beffarda per i tifosi rossoneri, che già fecero fatica a digerire il suo forte legame con il Bari (un suo post su Instagram in cui si complimentava per la promozione in serie C dei galletti fu oggetto di aspre polemiche) mai nascosto neppure durante l'esperienza con i satanelli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Galano riparte da Pescara: l'attaccante foggiano firma un triennale con gli abruzzesi

FoggiaToday è in caricamento