rotate-mobile
Calcio

Partita interrotta, il Calcio Foggia replica al sindaco di Troia: "Grave danno d'immagine alla nostra società"

Il Calcio Foggia 1920 replica al sindaco del Comune di Troia, Leonardo Cavalieri

In merito alle dichiarazioni rilasciate dal sindaco del Comune di Troia Leonardo Cavalieri la società Calcio Foggia 1920 precisa che la partita in programma domenica 16 aprile alle 11 presso il campo sportivo Michele D’Achille tra le formazioni femminili del Calcio Foggia 1920 U17 e della Nitor Brindisi U17 poteva e doveva disputarsi senza alcuna interruzione.

Rispetto alle dichiarazioni del primo cittadino - "la partita non era stata autorizzata. Non è una questione economica, o comunque non solo, è soprattutto una questione di legittimità e responsabilità” - la società rossonera evidenzia "che personale della segreteria del settore giovanile ha comunicato nei tempi debiti al tramite dell’Asd Troia Sport (custode dell’impianto) la richiesta di disponibilità dell’impianto per gli incontri dell’Under 15 e dell’Under 17 e ricevendone l’autorizzazione verbale, prova ne è la disputa della gara di campionato della compagine femminile Under 15 contro le pari età della Phoenix Trani il giorno precedente (sabato 15 aprile alle 18) e dell’inizio della gara imputata iniziata domenica 16 aprile 2023 alle 11 contro le pari età della Nitor Brindisi, bloccata e sospesa per volere imperativo del sindaco del Comune di Troia al 15’ minuto del secondo tempo".

Rispetto alla dichiarazione rilasciata - "in caso di incidente a rispondere sarebbe stato il Comune di Troia nella figura del sindaco, poiché il campo è del Comune” - alla responsabilità civile e penale, come dichiarato dal sig. Leonardo Cavalieri, il Calcio Foggia precisa che la gestione del campo sportivo sia stata affidata dal Comune stesso all’Asd Troia Sport, soggetto eventualmente responsabile nei confronti di terzi fruitori della struttura. Pertanto, il Calcio Foggia 1920 condanna l’accaduto e la sospensione della gara che ha provocato nelle giovani sportive sconforto e tristezza arrecando un grave danno non solo d’immagine alla nostra società ma di credibilità a livello nazionale, riservandosi di tutelarsi dinanzi alle autorità giudiziarie".

La società Calcio Foggia 1920 nella figura del presidente Nicola Canonico chiede scusa alle atlete rossonere e del club ospitato, il Nitor Brindisi, per quanto accaduto. "L’attenzione del Foggia verso il mondo young è costante, come dimostrano i risultati delle formazioni giovanili"r.

A fronte dell’accaduto, la società precisa che terminerà la stagione sportiva giovanile presso la struttura sportiva di Troia, ma che non ne usufruirà più in futuro sino al termine della gestione da parte dell'attuale amministrazione comunale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Partita interrotta, il Calcio Foggia replica al sindaco di Troia: "Grave danno d'immagine alla nostra società"

FoggiaToday è in caricamento