rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Calcio

Nove petardi esplosi, lancio di bottigliette e striscione non autorizzato: nuova sanzione per il Foggia

Il giudice sportivo ha deliberato una nuova ammenda di 3mila euro al club rossonero. Il quinto giallo stagionale costa un turno di squalifica al difensore Di Pasquale. In diffida Garofalo

Arriva l’ennesima sanzione per il Calcio Foggia 1920. Il Giudice Sportivo Stefano Palazzi ha infatti inflitto una ammenda di 3mila euro al club rossonero per alcune intemperanze verificatesi nel corso del derby contro il Bari.

Il provvedimento è stato adottato “per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori integranti pericolo per l’incolumità pubblica”. Nello specifico, si fa riferimento all’esplosione di ben nove petardi, sette in Curva nord (sei nel primo tempo) e due in curva Sud, e all’accensione di “una quantità rilevantissima (83) bengala nel proprio settore”.

Inoltre, al 26’ e al 36’ della ripresa due bottigliette d’acqua semipiene sono state lanciate in direzione dei calciatori del Barii, in particolare l’ex rossonero Cristian Galano, destinatario quest’ultimo anche della “frase oltraggiosa” presente su uno striscione non autorizzato esposto dai sostenitori della curva Nord ed esposto al 10’ del secondo tempo.

Appiedato per un turno il difensore David Di Pasquale, ammonito in regime di diffida nella gara di sabato scorso: salterà il derby di Taranto in programma sabato 5 marzo alle 17.30. Entra in diffida Vincenzo Garofalo, che contro il Bari ha rimediato il quarto cartellino giallo stagionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nove petardi esplosi, lancio di bottigliette e striscione non autorizzato: nuova sanzione per il Foggia

FoggiaToday è in caricamento