rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Calcio

Mino Raiola lotta ancora: non è morto il procuratore partito da Foggia

Smentite le notizie diffuse da alcune agenzie di stampa sulla morte del noto procuratore di Ibrahimovic, Pogba e Balotelli, che sarebbe in gravi condizioni. Zangrillo: "Sono indignato dalle telefonate di pseudo giornalisti che speculano sulla vita di un uomo che sta combattendo"

Mino Raiola è in gravi condizioni, ma è ancora vivo. Il dott. Zangrillo, primario dell'Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione del San Raffaele di Milano, ha smentito le notizie diffuse da alcune agenzie di stampa sulla morte del noto procuratore che portò a Foggia Bryan Roy.

"Sono indignato dalle telefonate di pseudo giornalisti che speculano sulla vita di un uomo che sta combattendo", ha commentato all'Ansa.

Una ulteriore smentita è giunta sull'account Twitter dello stesso agente: "Stato di salute attuale, per chi se lo chiede: incazzato. Per la seconda volta in quattro mesi mi uccidono". 

Nato a Nocera Inferiore, si trasferì presto ad Haarlem in Olanda, dove lavorava nel ristorante di famiglia. A 20 anni diventò direttore sportivo della squadra della città e grazie a un accordo con il sindacato dei calciatori, ne diventò rappresentante. Il suo primo colpo avvenne proprio a Foggia, nel novembre del 1992, quando portò alla corte di Zeman, Bryan Roy. A Foggia conobbe Roberta, una ragazza foggiana che poi sarebbe diventata sua moglie. 

Da lì cominciò la sua carriera che lo ha visto ingrandire sempre più la scuderia di calciatori, tra i quali figuravano Dennis Bergkamp e il pallone d'oro 2003 Pavel Nedved. 

Ma è con la procura di Zlatan Ibrahimovic che il suo nome ha letteralmente invaso le prime pagine dei giornali, grazie agli ultramilionari trasferimenti dello svedese all'Inter, al Barcellona, al Milan e al Psg. Tante le operazioni messe a segno negli ultimi anni, come quella di De Ligt alla Juventus o quella di Pogba al Manchester United che gli garantì ben 25 milioni di commissioni. Tra i giocatori seguiti ci sono anche Donnarumma ed Erling Haaland, astro nascente del calcio mondiale, attualmente in forza al Borussia Dortmund. 

Secondo una classifica pubblicata dalla rivista Forbes alla fine del 2020, Raiola riuscì a chiudere affari per circa 850 milioni, portando a casa 85 milioni di commissioni. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mino Raiola lotta ancora: non è morto il procuratore partito da Foggia

FoggiaToday è in caricamento