rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Calcio

Zaccheria aperto, ma curve chiuse: la decisione del Giudice Sportivo

Un provvedimento senz'altro più morbido di quanto si paventasse, grazie alla riconosciuta collaborazione dei dirigenti del Foggia "per far cessare i comportamenti tenuti dai propri sostenitori, con una condotta molto fattiva che merita di essere valutata in modo prevalente rispetto alle altre circostanze di segno negativo". Al club anche una multa di 10mila euro e l'inibizione di Mario De Vivo fino al 30 aprile

Per la serie "poteva andare peggio", il Foggia evita le porte chiuse dopo i fattacci di ieri sera. Il Giudice Sportivo, infatti, ha disposto la chiusura della Curva Nord per due turni e della Curva Sud per un turno, in seguito al lancio di oggetti, alla duplice invasione di campo e al tentativo, da parte di un tifoso della 'Nord' di aggredire Pietro Iemmello. Il club rossonero dovrà pagare anche una multa di 10mila euro. 

L'indignazione di Canonico: "Chiedo scusa agli italiani"

Nello specifico, sono dieci gli episodi citati nel comunicato del Giudice sportivo, dall'esposizione di tre striscioni, due indirizzati a Iemmello e uno al presidente Ghirelli, ai cori contro lo stesso attaccante del Catanzaro, al lancio di due fumogeni e bottigliette, fino alla tripla invasione di campo in seguito alla quale la gara è stata sospesa per 8 minuti. 

Un provvedimento senz'altro più morbido di quanto si paventasse, grazie alla riconosciuta collaborazione dei dirigenti del Foggia "per far cessare i comportamenti tenuti dai propri sostenitori, con una condotta molto fattiva che merita di essere valutata in modo prevalente rispetto alle altre circostanze di segno negativo". 

Inibito fino al 30 aprile compreso, il team manager del Foggia Mario De Vivo, espulso nel corso della partita, per avere "tenuto un comportamento non corretto in quanto, prima abbandonava la propria area tecnica e poi entrava in prossimità della panchina avversaria urlando verso un calciatore avversario, per fargli abbandonare il recinto di gioco". 

Un turno di squalifica per Sciacca, espulso a metà del primo tempo per interruzione di chiara occasione da gol, mentre entra in diffida il collega di reparto Di Pasquale. 

Intanto, sulla tentata aggressione ai danni di Iemmello, è arrivata la condanna della Lega Pro: "Un vile atto di violenza da lui subito ad opera di alcuni delinquenti presenti allo stadio e che nulla hanno a che vedere con i veri tifosi. La Lega Pro esprime la totale solidarietà ed il pieno sostegno a Iemmello ed alla società giallorossa. Queste sono vicende che non si conciliano con lo sport e con i principi che animano la Serie C e che al contrario arrecano un gravissimo danno all’immagine di tutto il calcio. La Lega Pro, nel pieno rispetto del lavoro delle forze dell’ordine, auspica che le autorità competenti facciano immediata luce su questo riprovevole evento di violenza inaudita e sollecita i più fermi provvedimenti nei confronti dei colpevoli".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaccheria aperto, ma curve chiuse: la decisione del Giudice Sportivo

FoggiaToday è in caricamento