rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Calcio

"Avvelenatori di pozzi", la Fondazione replica alle accuse di Canonico: "Dichiarazioni lesive"

In una nota il presidente Aristide Guerrasio replica alle dichiarazioni del presidente del Foggia: "In mancanza di smentite e/o rettifiche la Fondazione si riserva di intraprendere ogni opportuna azione"

"Dichiarazioni gravemente lesive, oltre che clamorosamente infondate". Così, in una nota resa a margine del Cda riunitosi in giornata, la Fondazione Capitanata per lo Sport, attraverso il suo presidente Aristide Guerrasio replica alle parole proferite dal presidente del Foggia Nicola Canonico nel corso della conferenza stampa tenutasi ieri allo Zaccheria.

Nell'occasione, Canonico aveva accusato il presidente della Fondazione di avergli messo contro gli imprenditori che sostengono il club attraverso una sponsorizzazione: "Mi auguro che Sario Masi diventi presidente", ha aggiunto il patron.

"La Fondazione, è opportuno ricordare, è stata creata - continua la nota - con il preciso fine di incoraggiare lo sviluppo delle attività sportive sul territorio e non certo quello di costituire il bancomat di qualsivoglia società sportiva ed, in particolar modo, della società Calcio Foggia 1920 srl che, peraltro, a detta dello stesso presidente Nicola Canonico, risulta società solida e non abbisognevole di sostegno economico".

Guerrasio conclude: "La Fondazione, in mancanza di smentite e/o di rettifiche, si riserva di intraprendere ogni opportuna azione in relazione alle dichiarazioni espresse dal presidente Canonico in occasione della sopracitata conferenza stampa a tutela dell’onorabilità della stessa Fondazione e di tutti i suoi componenti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Avvelenatori di pozzi", la Fondazione replica alle accuse di Canonico: "Dichiarazioni lesive"

FoggiaToday è in caricamento