rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Calcio

Diatribe in società, il messaggio della 'Nord' a Canonico e Pintus: "Rispettate la città e il popolo foggiano"

La nota della curva intitolata a Franco Mancini: “Ci interessa poco chi ha torto o ragione, a noi interessano solo le sorti del Calcio Foggia! Trovate il modo di portare le vostre diatribe lontano dai riflettori”

Da Zeman alla società. La Curva Nord non fa sconti a nessuno e dopo lo striscione esposto durante la sfida contro il Picerno, indirizzato al boemo, ‘bacchettato’ per le sue critiche al presidente Canonico, adesso gli ultra della curva intitolata a Franco Mancini indirizza un nuovo messaggio alla società. Non si fanno i nomi, ma è chiaro che i destinatari siano Nicola Canonico e Maria Assunta Pintus, protagonisti di una querelle lontana dalla conclusione. L’ultimo capitolo, in ordine di tempo, ha visto il tribunale di Bari rigettare il ricorso cautelare proposto dal presidente rossonero ribadendo l’obbligo a corrispondere alla imprenditrice sarda le rate per il passaggio delle quote del club.

“Qualche settimana fa – si legge nella nota della ‘Nord’ – abbiamo esposto uno striscione in curva con l'intento di chiedere al mister di pensare più al campo e meno a tutto il resto, perché, a nostro modo di vedere le cose, certi discorsi vanno fatti nei modi, nei tempi e nei luoghi preposti. Abbiamo ritenuto poco consono che si parlasse di centri di allenamento, di mercato di gennaio e di altri aspetti non legati strettamente al campo alla vigilia di una gara delicata, in piena corsa playoff e a poche giornate dalla fine. Per lo stesso motivo ora la nostra attenzione si sposta verso chi rappresenta Foggia nei palazzi”.

Gli ultra non nascondono il disappunto per le vicissitudini societarie che, malgrado i cambi di proprietà, proseguono senza sosta da ormai due anni: “Ormai il popolo foggiano da qualche anno assiste nauseato alle vicende societarie che non fanno altro che destabilizzare l'ambiente e dare benzina alla "cattiva stampa" locale che marcia sulle sventure calcistiche. Domenica dopo domenica chiediamo ai ragazzi che scendono in campo di portare rispetto alla tifoseria ed onorare la nostra maglia. Pertanto, allo stesso modo, diciamo a voi società di portare rispetto alla città e a tutto il popolo foggiano”.

La chiosa è un invito a tenere lontano dal campo quanto accade all’esterno: “Ci interessa poco chi ha torto o ragione, a noi interessano solo le sorti del Calcio Foggia! Trovate il modo di portare le vostre diatribe lontano dai riflettori, lasciate l'ambiente sereno e cerchiamo di parlare solo di calcio perché ci aspettano settimane importanti. Si dice che il tempo è galantuomo ed alcune situazioni che ci furono prospettate stanno arrivando al capolinea, ci auguriamo che tutto vada come da programma perché, una volta persa, la fiducia non la si riconquista più... A buon intenditor poche parole”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diatribe in società, il messaggio della 'Nord' a Canonico e Pintus: "Rispettate la città e il popolo foggiano"

FoggiaToday è in caricamento