menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bisceglie-Foggia 0-0: le pagelle dei rossoneri

Vitale tra i più intraprendenti. Curcio decisivo in negativo con il primo errore dal dischetto. Garofalo confusionario, Kalombo in affanno

Per i cultori del bicchiere mezzo pieno sarà stato sicuramente un punto guadagnato. Ma l’effervescente finale di 2020 del Foggia aveva fatto venire l’acquolina in bocca a più di un tifoso. Normale, dunque, accogliere il pari esterno col Bisceglie come un’occasione persa, alla luce anche della clamorosa occasione scialacquata dai satanelli. Protagonista in negativo, per una volta, è quell’Alessio Curcio autentico trascinatore dei rossoneri nel girone di andata, nonché cecchino infallibile dagli undici metri. Infallibilità che si macchiata nella fanghiglia del ‘Ventura’. A Bisceglie è andata in scena la classica partitaccia da serie C, con pochi spunti meritevoli di attenzione per i più puristi, e tante battaglie in mezzo al campo. Un match il cui equilibrio si sarebbe potuto spezzare solo con un episodio favorevole. Ma il Foggia non è riuscito a cogliere l’attimo che avrebbe rovesciato i destini delle due squadre. A fine partita Marchionni ha guardato il bicchiere mezzo pieno: è vero, quando certe gare non le sblocchi sfruttando le occasioni, si rischia poi di perderle. E poi, con un mercato bloccato, una condizione fisico-atletica ancora deficitaria e le pesanti assenze, diventa assai difficile pretendere o anche solo pensare di consolidare il terzo posto.

Le pagelle dei rossoneri   

BISCEGLIE (4-4-2) Russo 8; Tazza 6 Priola 6,5 Vona 6 Giron 5,5; Padulano 5,5 (40’st Makota s.v.) Romizi 6 Cittadino 5,5 (37’st Zagaria s.v.) Mansour 5 (1’st Rocco 5,5); Sartore 5,5 (31’st Maimone s.v.) Musso 5. A disposizione: Loliva, De Marino, Ferrante, Vitale, Casella, Spurio, Altobello. All. Bucaro 6

FOGGIA (3-5-2) Fumagalli 6; Anelli 6 Gavazzi 6 Galeotafiore 6; Kalombo 5,5 Garofalo 5 (11’st Balde 5,5) Salvi 5,5 (38’st Morrone s.v.) Vitale 6,5 (22’st Raggio Garibaldi 5,5) Agostinone 6 (38’st Di Masi s.v.); Curcio 5 (22’st Dell’Agnello 5,5) D’Andrea 5,5. A disposizione: Vitali, Di Masi, Dell’Agnello, Germinio, Raggio Garibaldi, Moreschini, Morrone, Lucarelli, Pompa, Cardamone, Balde, Turi. All. Marchionni 6

Arbitro: Maggio di Lodi 6,5; Assistenti: De Pasquale di Barcellona Pozzo di Gotto 6 - Fraggetta di Catania 6

Fumagalli 6 – L’unica parata della gara non ha valore, perché la posizione di Rocco è censurata dalla bandierina del secondo assistente. Il suo pomeriggio nella piovosa Bisceglie è tutto circoscritto a quell’episodio.

Anelli 6 – Gli attaccanti del Bisceglie non sono il massimo della pericolosità, il che agevola il lavoro suo e quello dei compagni. Tuttavia, non perde (mai) lo spunto per lasciarsi andare alle provocazioni verbale e agli screzi con gli avversari, uno dei quali gli costa l’ennesimo giallo inutile della stagione.

Gavazzi 6 – Qualche imprecisione legittimata dal terreno di gioco infame. Ma gli affanni e le angosce delle precedenti uscite non si ripresentano, per fortuna.

Galeotafiore 6 – Si riprende un po’ rispetto alle incertezze di Catania. Bene fa Marchionni a riproporlo anche per aumentare l’autostima. Si presta alla battaglia nel fango e non sfigura.

Kalombo 5,5 – La solita corsa, i soliti chilometri, seppur appesantiti dal campo e da una condizione che non sembra ancora ottimale. Nessun indugio sulla valutazione tecnica degli appoggi.

Garofalo 5 – I tempi di inserimento non gli mancherebbero. Ma in una gara in cui le idee del collettivo scarseggiano, non gli si possono chiedere intuizioni da artista sopraffino. Però il suo contributo alla squadra ne risente, fino a diventare pressoché nullo (11’st Balde 5,5 – Pochi spunti perché i palloni giocabili arrivano con il contagocce. Un contagocce peraltro intasato. Ma possibile che non meriti di giocare almeno una volta dall’inizio?).

Salvi 5,5 – Il livello tecnico modesto degli avversari non lo espone a un impegno probante. Così diminuiscono le sofferenze rispetto alle gare con Juve Stabia e Catania. Ma resta comunque imprescindibile alzare il livello tecnico delle proposte. Può farlo lui? (38’st Morrone s.v. - Dà la sensazione di avere idee non banali, supportate da piedi piuttosto educati. Dargli un po' più di fiducia, specie ora, non sarebbe delittuoso).

Vitale 6,5 – Senza Rocca e con un Garofalo confuso e pascolante, si prende lui l’onere dell’assalto alla retroguardia avversaria. In un caso finisce con il randellare Priola. Nella seconda occasione l’inserimento si traduce in penalty. Si spegne progressivamente nella ripresa (22’st Raggio Garibaldi 5,5 – Entra quando la gara non ha più alcun contenuto tecnico da evidenziare. Si adegua al mare di fango e mediocrità).

Agostinone 6 – Non giocava dal 1’ dal derby col Bari. Si ritrova a giocare come quinto a centrocampo. Non ha il passo di Di Jenno, ma per lo meno presidia la corsia con diligenza. (38’st Di Masi s.v.).

Curcio 5 – Fallisce dagli undici metri, dove fino a oggi era stato un cecchino implacabile. La pioggia copiosa bagna anche le sue polveri. Russo ringrazia, il Foggia si rammarica per due (potenziali) punti persi. Peccato, perché nel nulla generale era stato tra i più intraprendenti (22’st Dell’Agnello 5,5 – Di nuovo escluso dagli undici, quando forse la sua fisicità sarebbe stata più appropriata all’appesantito terreno di gioco. Mistero. Fa poco, ma per lo stesso discorso di Balde: i rifornimenti).

D’Andrea 5,5 – Il mezzo lob che per poco non uccella Russo è la cosa più bella del suo grigio pomeriggio. La malinconia cresce in maniera direttamente proporzionale all’assenza di palle giocabili.

All. Marchionni 6 – Non perde col Bisceglie, come accadde nella gara di andata. Aspetto positivo. Ma il Foggia pareggia sbagliando un rigore. Aspetto negativo. C’è poi tutto il resto: l’assenza di Rocca pesa e, in assenza di un mercato, consiglia una revisione nella scelta degli uomini e, forse, anche del sistema di gioco. Balde e Morrone dal 1’, oltre al già provato Curcio dietro le due punte, potrebbero determinare una scossa. Viceversa, si dovrà riconsiderare certi obiettivi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento