rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Basket

Inizia bene la fase ad orologio per la Cestistica

L'Allianz Pazienza comincia con il piede giusto: prestazione convincente e vittoria contro l'Urania Milano. Finisce 95-80

Gli ingranaggi dell’Allianz Pazienza San Severo sono perfettamente regolati e non si fermano nemmeno nella prima giornata della fase ad orologio. La vittoria che la Cestistica si aggiudica contro l’Urania Milano 95 – 80 giunge al termine di una prestazione, come sempre, energica e contro un’avversaria in forma smagliante contraddistinta dall’attitudine del vero osso duro. Il primo quarto inizia a ritmi elevatissimi con la spinta dell’Urania ed il primo parziale a favore proprio dei milanesi, ma dal secondo quarto è arrembaggio giallonero. La Cestistica tocca addirittura il massimo vantaggio di +13 e chiude con un sontuoso 52-41 la seconda frazione. Al rientro dalla pausa lunga, è ancora lotta ma nell’ultimo quarto San Severo raccoglie dal proprio serbatoio le energie rimaste per il colpo di coda e la vittoria finale. Un successo maturato grazie - oltre che come al solito alle giocate del collettivo - ai numeri preziosi di: Sabin, Tortù, Moretti, Pepper e Serpilli tutti in doppia cifra. Sabin & compagni conquistano altri due punti dal peso specifico elevatissimo al fine di consolidare un piazzamento in classifica assolutamente meritato, sognando sempre più in grande e custodendo l’evidenza che, quanto di buono raccolto finora, sia ormai un sedimento indiscutibile. Gli ingranaggi gialloneri vanno a tempo anche nella fase ad orologio contro avversarie mai affrontate e sempre pronte a dar battaglia; un ottimo punto di partenza con il benestare del pubblico sanseverese perennemente caloroso e sempre affollato. A loro va l’ennesimo regalo della Cestistica: un gradito dolce nella notte che anticipa la Santa Pasqua. Auguri!

San Severo-Urania, la gara

Lo scacchiere sanseverese prevede Sabin, Pepper, Piccoli, Tortù e Moretti mentre i milanesi giocano con: Bossi, Portannese, Thomas, Nikolic e Paci. I primi secondi sintetizzano al meglio il trend del match: intensità, fisicità e corsa prevarranno sul rettangolo di gioco fino alla fine. La formazione di Davide Villa parte con le idee chiare e le realizzazioni sempre precise e dall’altra parte Moretti raccoglie i rimbalzi (4 in dieci minuti) e segna con facilità dimostrando un confronto tutt’altro che scontato con l’altro pivot Paci. Alla metà, è gara da tre punti iniziata da Tortù e Sabin e conclusa con Nikolic e Portannese. Milano attacca senza arrestarsi, Bechi richiama all’ordine i suoi e dopo le sue parole arrivano tre possessi recuperati in difesa e otto punti prodotti, ma Milano è in vantaggio. Primo parziale: 21 – 25. La seconda frazione ha la stessa energia dei precedenti minuti; Portannese trascina i suoi uomini con percentuali perfette da 6.75 e dall’altra parte fa lo stesso Dalton Pepper che schiaccia su assist del solito Piccoli, stoppa il suo avversario sotto canestro e conclude ancora da due per il 33-32 e la sospensione richiesta da Villa. Gli effetti, però, non sono quelli sperati e la presenza di Matteo Piccoli in campo si sente non solo come leader difensivo ma anche come rifinitore che riesce a dare linfa alla Cestistica ed il suo pubblico per un massimo vantaggio giallonero fino al +13. All’intervallo lungo è 52 – 41.

Per indirizzare la partita nell’unica maniera possibile, l’Allianz Pazienza deve ammazzare il match e tale sembra essere l’intenzione di Lorenzo Tortù e Ty Sabin, autori di ‘bombe’ pesantissime. Nonostante l’aggressività perenne dei suoi uomini, Bechi non si fida degli avversari che, anche a discapito di uno svantaggio importante, non si danno ancora per vinti. Il peso di una partita importantissima si sente e l’atteggiamento di tutti i protagonisti in casacca giallonera (uno su tutti Samuele Moretti) è perfetto, tranne per la palla persa sul finale con eccessiva superficialità. Si chiude il terzo quarto sul: 68-59. Non bisogna far tornare in gara l’Urania; deve essere l’obiettivo degli ultimi dieci minuti targati Allianz Pazienza e serve la tripla di Sabin, i quattro punti di Serpilli ed i liberi di De Gregori a tenere a distanza gli ospiti. L’Urania non si scompone e prosegue senza indugi verso l’agguato ai padroni di casa. Un blitz che spaventa il “Falcone e Borsellino” ma che, con il cronometro alla mano, svanisce sotto i colpi di Tortù, Sabatino, Serpilli e Sabin. Lo squillo della sirena finale è una manna dal cielo ed una gioia per tutti: Cestistica San Severo 95 – Urania Milano 80 (cestisticasansevero.com).

San Severo-Urania, il tabellino

Allianz Pazienza San Severo - Urania Milano 95-80 (21-25, 31-16, 16-18, 27-21)

Allianz Pazienza San Severo: Ty Sabin 21 (5/9, 3/9), Lorenzo Tortu 19 (5/6, 3/6), Samuele Moretti 13 (5/7, 0/0), Dalton Pepper 12 (5/8, 0/1), Michele Serpilli 10 (4/4, 0/2), Antonino Sabatino 7 (2/4, 1/1), Matteo Piccoli 5 (1/2, 1/2), Tommaso De gregori 4 (0/1, 0/0), Alessandro Bertini 2 (1/1, 0/1), Gabriele Berra 2 (1/1, 0/2), Goce Petrushevski 0 (0/0, 0/0), Antonio mario Miale 0 (0/0, 0/0)

Urania Milano: Marco Portannese 25 (4/7, 5/6), Stefano Bossi 15 (4/5, 1/5), Giorgio Piunti 10 (4/6, 0/0), Mitja Nikolic 9 (1/2, 2/5), Paolo Paci 8 (3/6, 0/0), Matteo Montano 7 (2/3, 1/5), Aaron Thomas 4 (2/6, 0/1), Alessandro Cipolla 2 (1/2, 0/0), Daniele Pesenato 0 (0/0, 0/0), Lionel Abega 0 (0/0, 0/0)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inizia bene la fase ad orologio per la Cestistica

FoggiaToday è in caricamento