Sport

Aversa vs Foggia 3-1, le pagelle: Giglio, gol bello e inutile. D'Angelo è recidivo

Ottava rete per il bomber rossonero, diventato capocannoniere della squadra. Male il centrale, il cui errore propizia il rigore dell'1-0. Si salvano Agnelli, Loiacono, D'Allocco e Leonetti

Il Foggia perde ad Aversa, interrompendo la splendida striscia di risultati utili consecutivi. Nell’ultima trasferta del girone di andata, i rossoneri cedono tra errori dei singoli (come quello di D’Angelo sul primo gol) e abbagli del direttore di gara, le cui decisioni hanno inciso e non poco sull’andamento del match.

Poco male, perché i rossoneri restano ben saldi nella zona prestigiosa della classifica, al terzo posto in coabitazione con la Casertana. E domenica, contro il Chieti in casa, obiettivo è chiudere alla grande il girone e il 2013.

FOGGIA: Narciso 5,5; Loiacono 6 D’Angelo 5 Sciannamè 5,5; Grea 5,5 (14’st Zizzari 5) Agnelli 6 Quinto 6 D’Allocco 6 (25’st Licata 5,5) Agostinone 5,5; Leonetti 6 (1’st Sicurella 5,5) Giglio 6,5. A disposizione: Micale, Filosa, Pambianchi, Colombaretti. All. Padalino 5,5

Narciso 5,5 - Sul rigore la disperazione lo porta ad un intervento scomposto. Incolpevole sugli altri due gol

Loiacono 6 – Pur dovendo contrastare l’ispirato Galizia, è sempre il meno in affanno nel terzetto difensivo

D’Angelo 5 – Ergersi a novello Bonucci non porta a molti benefici, in primis perché non si tratta di Nesta o Baresi, in secondo luogo perché su un terreno infame, e con leziosità e sufficienza, si va incontro solo a figuracce. E’ recidivo, rifletta

Sciannamè 5,5 – In affanno quando l’Aversa spinge dalle sue parti. Conclude con un’espulsione il suo infausto pomeriggio

Grea 5,5 – Tra alti e bassi, corre tanto ma senza costrutto

Agnelli 6 – Da buon capitano, riesce ad addomesticare la rabbia che certi episodi avrebbero scatenato. Con l’uscita di Quinto si smazza rincorrendo i portatori di palla, e cercando anche di creare qualcosa, essendo l’unico ad avere i piedi per farlo

Quinto 5,5 – Lento, troppo in fase di impostazione. L’ingiusta espulsione lo taglia fuori dal match, e mette la parola fine sul suo 2013

D’Allocco 6 -  Solita dose di corsa, solito spirito di adattamento. Anche da mezzala fa il suo, dividendosi tra le due fasi. Esce stremato

Agostinone 5,5 – Senza infamia e senza lode. Nulla che renda onore alla maglia numero 10 che torna ad indossare

Leonetti 6 – Prezioso come sponda per Giglio sul gol del pari. Padalino lo lascia negli spogliatoi per ragioni tattiche, non certo per demeriti propri

Giglio 6,5 – Il voto sta tutto nello straordinario gol che realizza. Tanto bello quanto inutile. Poi, ha poco da recriminare, perché in 10 i palloni giocabili si fanno sempre più rari, fino a diventare nulli dopo la seconda espulsione

Sicurella 5,5 – Entrato per far densità in mezzo, non incide più di tanto

Zizzari 5 – E’ vero, entra quando la partita è già quasi compromessa del tutto. Però non è che si sforzi più di tanto per lasciare il segno

Licata 5,5 – Al posto di D’Allocco, per mantenere un briciolo di equilibrio, ammesso che sia possibile in 9 contro 11

Padalino 5,5 – Con molta signorilità non ha voluto additare alle assenze e alle decisioni dell’arbitro, le colpe di una sconfitta amara quanto ineccepibile. Però si tratta di episodi determinanti.
Certo, la squadra è apparsa meno brillante del solito, e molti sono stati gli errori in fase difensiva. Ora testa rivolta al Chieti, contro cui urge il recupero di Cavallaro, in considerazione delle assenze di Quinto, Venitucci e Sciannamè 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aversa vs Foggia 3-1, le pagelle: Giglio, gol bello e inutile. D'Angelo è recidivo

FoggiaToday è in caricamento