Atletico Vieste - Real Racale 6 a 0

Si è chiusa con un tennistico 6-0 la gara di esordio stagionale tra Atletico Vieste e Real Racale, con i garganici vittoriosi grazie ad una migliore (e più serena) preparazione precampionato

01_vieste_racale-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si è chiusa con un tennistico 6-0 la gara di esordio stagionale tra Atletico Vieste e Real Racale, con i garganici vittoriosi grazie ad una migliore (e più serena) preparazione precampionato. I salentini, infatti, hanno pagato lo scotto del duplice cambio di allenatore, dati gli allontanamenti di Mitri e Lombardo in agosto, con la panchina affidata a Gianni Mugo da una sola settimana.

Il Vieste arrembante e spietato è sceso in campo col piglio giusto e già al quinto andava a segno con Rocco Augelli che finalizzava una discesa centrale di Compierchio, ma l'arbitro Dell'Olio annullava per fuorigioco. Il gol del vantaggio giungeva al 18mo con una bella azione dall'elevata caratura spettacolare, fatta di finte e tocchi di prima: Silvestri da sinistra serviva verso il limite dell'area Rocco Augelli che, con un velo, faceva pervenire il pallone a De Vita; tocco di prima dello juniores per Rocco che chiudeva il triangolo restituendo palla allo stesso giocatore viestano bravo a liberarsi di un avversario e a mettere in fondo al sacco, alle spalle dell'incolpevole Panico.

La prima segnatura della giornata giungeva un minuto dopo una ghiotta occasione per gli ospiti, quando De Nicola approfittava di una disattenzione della difesa viestana per presentarsi tutto solo davanti ad Orlandino, bravo a mettere in corner il tiro indirizzato verso il primo palo. E' stato l'unico intervento dell'estremo difensore locale, schierato da mister Terracenere al posto dello squalificato Bua (per lui due giornate da scontare per gli incidenti scoppiati a Francavilla nel concitato dopo gara al termine della scorsa stagione).

Subito il gol, il Racale imbastiva una pronta reazione con la gran botta di Villani da venti metri che usciva di poco alla destra del giovane portiere del Vieste. Era il ventiduesimo. Alla mezz'ora il Vieste giungeva al raddoppio: Colella batteva un corner dalla bandierina di sinistra, l'uscita a vuoto di Panico consentiva alla sfera di giungere sul secondo palo dove Compierchio appoggiava di testa per Sollitto che, indisturbato nell'area piccola, inzuccava in fondo al sacco.

Era ancora Villani dal limite a far venire i brividi all'Atletico Vieste ma il suo tiro di punizione faceva la barba al palo, con Orlandino costretto a fare da spettatore. Dopo aver sciupato un paio di favorevoli occasioni (liscio clamoroso su schema da corner, e tiro deviato coi piedi da Panico) in chiusura di prima frazione, Rocco Augelli andava a segno all'ottavo della ripresa a coronamento di una splendida azione personale: riceveva palla sul limite del cerchio di centrocampo, si liberava di De Benedictis con un colpo di tacco e lo surclassava in velocità fino al limite dell'area, quando trafiggeva Panico mandando la sfera nell'angolino lontano. Uno spettacolare ritorno al gol nella Vieste che grandi soddisfazioni gli ha regalato e a cui lui ha regalato negli anni passati.

Due minuti e giungeva la sua doppietta personale, che portava a quattro il bottino della sua squadra: Compierchio vedeva la sovrapposizione di Paolo Augelli e lo serviva in area; su di lui chiudeva fallosamente Mazzeo (under classe '96) che costringeva il direttore di gara ad indicare il dischetto. Dagli undici metri Rocco mandava il pallone nell'angolo opposto a quello battezzato dal portiere avversario, facendo dimenticare il palo colpito solo una settimana fa, sempre su rigore, contro il Manfredonia ma in Coppa Italia.

La cinquina giungeva al 21mo, ad opera dell'altro Augelli, Paolo: palla in profondità addomesticata da De Vita e appoggiata a Rocco che si accorgeva del sopraggiungere dalle spalle di suo fratello e lo serviva in modo da farlo presentare in area centralmente al cospetto di Panico che non poteva far altro che vedere la palla entrare accanto al palo alla sua destra.

Se non aveva colpe su questa marcatura, più di una responsabilità sono sulla coscienza di Panico in occasione del gol che fissava il risultato sul definitivo 6-0: intercettava un cross giunto dalla sua sinistra ma, invece di bloccarlo, lo controllava con palleggi in stile basket fino a quando non glielo soffiava Murgo che poi insaccava a porta sguarnita. La gioia incontrollabile per il giovane viestano classe '96, che ha coronato col gol l'esordio nella categoria, si contrapponeva alla delusione dell'estremo difensore salentino che chiedeva il cambio, lasciando la guardia dei pali ad Andrea Tacconi, figlio del grande Stefano portiere di Avellino e soprattutto Juventus e nazionale.

Da quel momento (era il 24mo della ripresa) fino al triplice fischio, l'Atletico Vieste evitava di attaccare trasformando la gara in una sorta di torello a tutto campo. Il Real Racale tentava di raggiungere il gol della bandiera andandoci vicino al 36mo con Portosi che centrava la traversa con una gran botta scagliata da fuori area.

Il 6-0 finale non deve far illudere l'ambiente viestano così come non deve demoralizzare quello racalino: la mancanza di un punto di riferimento stabile nella conduzione tecnica della squadra ha sicuramente influenzato l'approccio alla gara dei salentini che mostreranno il proprio vero volto appena avranno risolto la questione; la presenza di giocatori di spicco come De Nicola, Musca, Villani, Portosi e Paglialunga è garanzia di qualità in una squadra che ha solo bisogno di riordinare le idee per poi poter mostrare la propria reale consistenza.

L'Atletico Vieste, da par suo, dovrà verificare la propria forza nelle prossime gare, a partire dalla trasferta a Bari contro i Quartieri Uniti vincitori sul campo del Tricase per 1-0. Mister Terracenere manifesta cauto ottimismo par la buona prestazione sfoderata, ricordando che "non è sempre vero che chi ben comincia è a metà dell'opera".

Sandro Siena

Atletico Vieste – Real Racale 6-0
Atletico Vieste: Orlandino, P. Augelli, Sollitto, Silvestri, Campanella, Pasquariello (18st Gentile), R. Augelli (31st Biscotti), Compierchio, Devita (25st Perlangeli), Colella, Murgo (a disposizione Renda, Basso, De Leo, Pelusi). Allenatore Angelo Terracenere.

Real Racale: Panico (25st Tacconi), Mazzeo, Paglialunga, Musca, De Benedictis, Aliotta, Petrini (25st Fanigliulo), Portosi, De Nicola (36st Pica), Villani, Zocco (a disposizione De Giuseppe, Schiavone, Seganfreddo, Greco). Dir. Accompagnatore Gianni Mugo

Arbitro Davide Dell'Olio, assistenti Francesco Fallacara e Tommaso Traetta, tutti di Molfetta.

Reti: 18pt De Vita, 30pt Sollitto, 8st R. Augelli, 10st R. Augelli (rig), 21st P. Augelli, 24st Murgo

Ammoniti: Orlandino (V), De Benedictis, Musca, Mazzeo, Aliotta (R)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento