Atletico Vieste, Spina Diana: “Noi penalizzati, pronti a falsare il campionato”

Pari interno tra la squadra garganica e il Quartiere Uniti Bari. Su facebook il presidente tuona: "Vogliamo maggiore tutela"

Atletico Vieste

Finisce a reti bianche il match del "Riccardo Spina" tra Atletico Vieste e Quartieri Uniti Bari valevole per la 17ma giornata del campionato di Eccellenza pugliese. Gara avara di spunti, dal basso contenuto spettacolare, giocata dalle due squadre più con la spada che col fioretto. Il copione dei 90 minuti ha visto il Vieste obbligato alla conduzione del gioco e il Bari bravo a chiudere ogni spazio con il pressing asfissiante, condotto ininterrottamente dal primo all'ultimo minuto, anche quando è rimasto in dieci uomini per l'espulsione di capitan Montrone.

Sulle pagine di Facebook il presidente Lorenzo Spina Diana tuona contro la classe arbitrale: “Siamo costantemente penalizzati dagli arbitri. Dopo lo scandalo di Manfredonia, ci rimandano quell'incapace presuntuoso di Marinuzzi che già con il Polignano in casa ci aveva maltrattati. Ho chiesto alla redazione di ViesteTv un dossier da portare a Bari ed ho avvisato Tisci che stavolta ci deve ascoltare. Sono sempre più convinto che sia arrivato il momento di farci sentire.

E se la nostra signorilità deve essere un handicap per noi, allora dobbiamo mandare un segnale forte al Palazzo di via Pende facendo capire loro che saremmo pronti a falsare il campionato se non dovessero garantirci maggiore tutela. Vieste è un patrimonio calcistico che va salvaguardato.

CRONACA DELLA GARA di Sandro Siena| Passavano solo 40 secondi e Rocco Augelli aveva la possibilità di cercare la via della porta ma incrociava troppo il suo sinistro spedendo il pallone distante dal palo lontano. Al quarto Grandolfo cercava la soluzione dalla distanza ma Muscato gli privava la gioia del gol andando a togliere il pallone dall'incrocio dei pali. Proteste baresi al nono quando la terna arbitrale non convalidava la rete di Bozzi per sospetto fuorigioco dello stesso bomber, al suo unico spunto verso la porta avversaria. Per il capocannoniere del campionato con 16 gol su 17 partite, tanta lotta su ogni pallone ma pochi spunti da rete per l'ottimo lavoro svolto dal reparto difensivo avversario.

L'Atletico risentiva oltre ogni aspettativa della mancanza dello squalificato Ricucci, sostituito da Nanni al suo esordio dal primo minuto; anche in avanti Rocco Augelli riceveva pochi palloni con cui poter cercare la via del gol, soffrendo della mancanza di Gentile, suo partner ideale in attacco, lasciato in panchina da mister Terracenere per gestire al meglio le energie dell'esperto attaccante viestano. Ciononostante, Augelli trovava per due volte la porta avversaria attorno alla mezz'ora, ma Picco gli chiudeva la strada prima bloccando a terra un tiro indirizzato nell'angolino basso, e poi fermando in due tempi un colpo di testa schiacciato dall'interno dell'area piccola, su cross di Nanni.

Ad inizio ripresa Grieco con una staffilata dal limite costringeva l'estremo difensore avversario a deviare coi pugni sopra la traversa. Al decimo giungeva l'episodio che avrebbe potuto cambiare la partita: il sig. Marinuzzi di Taranto spediva anzitempo negli spogliatoi capitan Montrone per seconda ammonizione, costringendo gli ospiti a disputare gran parte della ripresa in inferiorità numerica.

Terracenere provava a spingere il piede sull'acceleratore mandando in campo Gentile per Longo e dando fiducia a Daniele Molinaro, esterno offensivo nato nel 96, arrivato in settimana a Vieste dopo aver disputato la prima parte di stagione nella squadra di allievi nazionali nell'Ascoli Piceno (società che milita in serie B).

Proprio Molinaro aveva due ghiotte occasioni per sbloccare il risultato: al 31mo la sua deviazione su tiro-cross di Grieco veniva fermata con i piedi dal portiere avversario, mentre a un minuto dal novantesimo girava di testa un cross di Paolo Augelli, sfiorando il palo lontano a portiere immobile. Tra questi due episodi ce n'era uno per Rocco Augelli bravo a liberarsi in area ma la sua conclusione a botta sicura veniva sventata da Picco con un altro intervento provvidenziale con i piedi.

Non cambia molto nella classifica delle due squadre, visto il concomitante pareggio tra Terlizzi e Gallipoli che lascia inalterate le distanze con la zona play-off, in attesa degli scontri diretti di domenica prossima che prevedono Gallipoli-Vieste e Quartieri Uniti Bari-Manfredonia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • 170 pazienti in terapia intensiva e 1392 in area non critica in Puglia. Nel Foggiano covid-free solo due comuni su 61

Torna su
FoggiaToday è in caricamento