Domenica, 17 Ottobre 2021
Sport

Aprilia-Foggia 1-1, le pagelle: Loiacono ingenuo, Colombaretti ancora in ritardo

Il giovane difensore rimedia due gialli in pochi minuti, lasciando la squadra in 10. L'esterno è apparso in ritardo di condizione. Male anche Cavallaro, al rientro dall'infortunio. Micale sbaglia e poi si riscatta

Comincia con un pareggio la seconda parte di stagione del Foggia, che contro l’Aprilia rimedia il medesimo punteggio dell’andata, seppur a campi invertiti. Un buon Foggia per i primi 20’, che ha poi subito il ritorno dei padroni di casa, per i quali però, ci è voluto l’autogol di D’Angelo per trovare il pareggio. Ancora una volta i rossoneri hanno dovuto chiudere il match in inferiorità numerica per l’espulsione rimediata da Loiacono a metà secondo tempo, per fortuna non decisiva ai fini del risultato, nonostante il palo da brivido, colpito da Montella in chiusura di match.

CRONACA DELLA GARA

Le pagelle

FOGGIA: Micale 6; Loiacono 5 D’Angelo 6 Sciannamè 5; Colombaretti 5 (21’st Grea 6) Sicurella 5,5 Agnelli 6 D’Allocco 6,5; Venitucci 6,5 Giglio 5,5 (44’st Leonetti s.v.) Cavallaro 5 (39’st Curcio s.v.). A disposizione: Monaco, Savarise, Filosa, Licata. All. Padalino 6

Micale 6 – Sostituire Narciso è una responsabilità che appesantisce le gambe e fa tremare le mani. Le prime prese sono un po’ difettose, così come l’intervento sull’innocuo cross di Cafiero, che provoca l’autogol di D’Angelo. Si riscatta con almeno tre interventi importanti, testimonianza di un carattere che non manca

Loiacono 5 – Non demerita, fino al doppio giallo rimediato in poco più di dieci minuti. Un difensore già ammonito, non può commettere quel fallo. Peccato d’inesperienza

D’Angelo 6 – Sul gol ha tante attenuanti. Non è mica colpa sua se si trova al centro della propria area di rigore, e la difettosa respinta del portiere gli carambola sullo stinco

Sciannamè 5 – Cafiero fa il bello e il cattivo tempo sulla sua corsia. Soffre da pazzi, anche per lo scarso ausilio che riceve

Colombaretti 5 – E’ in palese ritardo di condizione, gli serve tempo. Poco brillante in fase di spinta, in affanno in difesa

Sicurella 5,5 – A corrente alternata. Passa i primi minuti a nascondersi, poi cerca di salire in cattedra. Un passo indietro rispetto alla prova di fine 2013

Agnelli 6 – Appare in evidente crescita, dopo un finale di prima parte di stagione sotto tono. Tornano a vedersi i cambi di gioco precisi e i lanci illuminanti. Ma la palla persa nel finale, rischiava di condizionare l’intero match

D’Allocco 6,5 – Mezzo voto in più per il gol, ma ha giocato partite migliori

Venitucci 6,5 – Il tacco che manda in gol D’Allocco vale il prezzo del biglietto. Non regala troppe giocate, perché il campo fa a pugni con i piccoletti talentuosi. Resta comunque il più vivo nel terzetto offensivo

Giglio 5,5 – Corre, tira spallata, dispensa vaffa, e sfiora il gol in apertura. Invoca un rigore, ma rimedia un giallo, prima di uscire dal campo stanco e contrariato

Cavallaro 5 – Non è ancora al top e si vede. Gioca in un segmento di campo piuttosto limitato, e a notarsi è più lo scarso contributo che offre in interdizione che le giocate di classe

Grea 6 – Al posto di Colombaretti per offrire più freschezza ed equilibrio sulla corsia

Padalino 6 – Per l’ennesima volta in emergenza, a conferma di quanto sia necessario il ricorso al mercato di riparazione. Il Foggia parte bene, ma poi subisce il ritorno dell’Aprilia, accusando in diversi frangenti, l’inferiorità numerica a centrocampo. Troppo ardita forse la scelta di puntare contemporaneamente sui rientranti Colombaretti e Cavallaro, non sufficientemente in condizione per sostenere un modulo dispendioso come il 3-4-3. La nota positiva è che la squadra è riuscita a tenere anche in 10, ma con il Teramo servirà un Foggia ben più gagliardo 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aprilia-Foggia 1-1, le pagelle: Loiacono ingenuo, Colombaretti ancora in ritardo

FoggiaToday è in caricamento