rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Sport

Tiene banco la questione stadio, i tifosi: “Apriamo la Nord dedicata a Mancini”

I tifosi sono con Chiara Carpano, moglie dell'indimenticato numero uno di Zemanlandia. Perplessità e amarezza di Masi per i mancati adeguamenti necessari a garantire l'agibilità dello stadio per 7500 spettatori

Ottenuta la permanenza di Agnelli, Giglio, Padalino e Di Bari, e in attesa di conoscere maggiori dettagli sul futuro tecnico del Foggia, e sulle scaramucce in seno alla dirigenza, tiene banco da alcuni giorni la questione "Zaccheria".

Nell’ultima conferenza stampa tenuta dal direttore Generale Sario Masi, perplessità ed amarezza, erano emerse nei confronti dell’Amministrazione Comunale, per i mancati adeguamenti necessari a garantire l’agibilità dello Stadio per 7500 spettatori.

Un problema avanzato anche dal presidente Pelusi insieme a quello relativo alla ricerca di nuovi soci. Molto più rumoroso però è l’appello levato da Chiara Carpano, moglie dell’indimenticato Franco Mancini. A poco più di un anno dalla sua tragica ed improvvisa scomparsa, la Curva Nord, a lui intitolata lo scorso anno, resta chiusa e inutilizzabile.

Problema esistente da anni, se si pensa che il gruppo degli Ultras 1980, da sempre “padroni”, insieme a Vecchio Regime e Ciurma Nemica, della Nord, ha dovuto traslocare prima nella adiacente Tribuna est, poi nel settore inferiore della tribuna ovest. Location diverse, che non hanno mai assopito la forza del tifo, né il sostegno verso i giocatori, ma che alimenta il disappunto della signora Chiara.

Uno sdegno legittimo che trasuda delusione, per una situazione che finisce per canzonare la figura del portierone di Zemanlandia. Perché oggettivamente ha poco senso intitolare ad una persona scomparsa, una struttura inagibile, destinata a restare vacante. Ancor di più è proseguire in promesse puntualmente disattese.

L’ultima, fatta ad inizio della stagione appena conclusa, quando Mongelli aveva garantito, oltre alla riapertura del Teatro Giordano, anche il completamento (con contestuale riapertura) dei lavori di adeguamento della Curva Nord. Ristrutturazioni evidentemente non effettuate, e che hanno spinto la Carpano ad aprire un gruppo su Facebook.

Eloquente il suo nome, “Quelli che vogliono la Curva Nord Franco Mancini aperta!”, e un messaggio altrettanto significativo: “Chiediamo che la Curva Nord Franco Mancini torni ad essere vissuta dai tifosi rossoneri: una curva vuota è come una casa abbandonata! É passato più di un anno dalla delibera e dalla cerimonia ufficiale della consegna della targa....Forse è arrivato il momento di aprire la curva Nord anche ai nostri tifosi.....”.

Già tante le adesioni, tutte nel nome del Mancio, il cui ricordo è vivo, e riempie i cuori e le menti di tutti i tifosi, in attesa che a riempirsi sia anche il luogo a lui intitolato, il simulacro che celebri (davvero) le sue gesta sportive, e la sua grandezza umana.    

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tiene banco la questione stadio, i tifosi: “Apriamo la Nord dedicata a Mancini”

FoggiaToday è in caricamento