I trabucchi del Gargano, le antiche e giganti macchine da pesca che dominano il mare Adriatico

I trabucchi sono antichi strumenti usati per la pesca, e oggi tutelati dal Parco Nazionale del Gargano

I trabucchi sono strumenti di pesca molto antichi e diffusi in tutta la costa adriatica, soprattutto fra Vieste e Peschici, che mantengono inalterata l'antica tradizione della pesca e raccontano gesti lontani di un tempo ormai passato.

Tutelati dal Parco Nazionale del Gargano, questi strumenti che rappresentano la tradizione garganica sono definiti anche 'giganti del mare". Alcuni non hanno mai smesso di funzionare, altri sono ritornati in attività da un un po' di anni grazie al lavoro dei mastri trabuccolanti.

Il termine trabucco, trabocchi in Abruzzo, probabilmente deriva dal latino 'Trabs-Trabis' che significa trave, e si riferisce alla struttura stessa del trabucco fatta appunti in legno.

Com'è la struttura di un trabucco?

Consiste in un'imponente costruzione in legno composta da una piattaforma protesa verso il mare e ancorata alle rocce tramite dei grandi tronchi di pino di Aleppo. Da questi, poi, si allungano delle lunghe braccia, definite antenne, che reggono delle reti a maglie strette utilizzate dai pescatori.

Fonte: Turismo Vieste.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

Torna su
FoggiaToday è in caricamento