← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

Raid notturno al 'Pestalozzi': l'istituto magistrale di San Severo depredato degli infissi

Via Simone Moffa, 90 · San Severo

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Continuano senza interruzione le scorrerie dei vandali a San Severo. Stanotte è stata la volta dell'Istituto Magistrale "Pestalozzi" di corso Di Vittorio ad essere preso di mira.

Ne hanno fatto le spese gran parte degli infissi, dal piano terra al piano più alto, che sono stati trafugati, lasciando lo stabile in condizioni decisamente penose. Da un paio d'anni l'Istituto non ospita più alunni e docenti e dunque qualcuno ha pensato bene di 'ripulirlo' degli infissi, trovando un modo per far soldi a buon mercato ma soprattutto per rendere veramente la nostra città una 'Terra di Nessuno'.

Ancora una volta riusciamo a documentare ciò che è stato fatto in questa nostra scuola da parte di una 'delinquenza urbana' alla quale non riusciamo a mettere una buona volta la museruola… Segnaliamo ancora all'Amministrazione comunale - che dovrebbe evitare ulteriori appelli alla civiltà ed aumentare il più possibile i controlli per assicurare questi gaglioffi alla giustizia perché finiscano in carcere - ma anche a tutte le Forze dell'Ordine e alla Polizia Locale queste incursioni notturne (e a volte anche diurne) di una delinquenza arrogante e ringalluzzita dai metodi troppo… democratici che la società di oggi usa per arginare questo tipo di fenomeni negativi. Fino a quando non ne prenderemo e non ne puniremo in maniera esemplare alcuni questa triste e folle storia di microcriminalità sanseverese non finirà mai!!!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
FoggiaToday è in caricamento