← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Lettori | "Bambini disabili bistrattati a Troia"

E' trascorso oltre un anno da quando alcuni genitori di bambini disabili del Comune di Troia, hanno legittimamente richiesto ai preposti responsabili della ASL/FG - Dipartimento di riabilitazione la possibilità di far eseguire i trattamenti fisioterapici presso l'esistente palestra del distretto sociosanitario di Troia piuttosto che percorrere 25 km all'andata ed altrettanti al ritorno per tre volte a settimana, di anno in anno, presso i dipartimenti di riabilitazione di Lucera e Foggia. Fare i pendolari a vita per ricevere le dovute cure è diventato veramente assurdo ed insostenibile, sotto numerosi aspetti, tanto per i genitori quanto e soprattutto per i bambini disabili, considerato che fra questi bambini vi sono casi particolarmente delicati e suscettibili agli spostamenti in auto.

L'appello di questi bistrattati genitori non si è fermato solo alle verbali richieste, ma insieme hanno chiesto aiuto, notificando per iscritto la loro delicata problematica, al Sindaco della propria cittadina, all'assessore al Welfare dott.ssa Elena Gentile e a tutte le cariche dirigenziali della ASL/FG nonché all'Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di Roma. A tutt'oggi a questo appello non è seguita alcuna risposta.

Una richiesta, la loro, piuttosto semplice se si considera che il distretto socio-sanitario di Troia è già ben attrezzato in merito, in quanto dotato di palestra e degli attrezzi necessari; palestra che viene utilizzata prevalentemente nelle sole mattinate per la riabilitazione degli adulti e che resta completamente inutilizzata nelle ore pomeridiane.

Dopo oltre un anno di "estenuanti trattative", da poco più di un mese, a questi genitori o meglio ancora a questi bambini è stata "elargita" la possibilità di svolgere fisioterapia in loco per sole 3 ore a settimana. Al momento hanno avuto la fortuna di accedere alle terapie soltanto quattro bambini (3 ore diviso 4 bambini uguale 45 minuti di fisioterapia a settimana). Chiunque abbia un minimo di conoscenza medica, o anche solo un po' di buon senso, può ben capire come 45 minuti di fisioterapia in un'intera settimana valgano ben poco per un bambino disabile che normalmente necessita di un'ora a seduta per tre sedute a settimana.

Questa per ora l'ultima ed ulteriore presa in giro. Quando si prenderà realmente coscienza dei reali bisogni di questi bambini? E quando ci si opererà, in merito, seriamente e nel rispetto dei loro problemi? Non so se queste povere creature siano considerate "figli di un dio minore" o semplicemente "cittadini di serie B"!!!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento