menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto da Facebook

Foto da Facebook

Da 'Madonna dell'Arco' a 'Maria Santissima della Fontana', la storia del santuario di Torremaggiore elevato a diocesano

La storia del Santuario di Maria Santissima della Fontana costruito su una chiesa rurale di origine benedettina, e successivamente elevato a Santuario Diocesiano

Il Santuario di Maria Santissima della Fontana a Torremaggiore ha origine nella chiesa che i benedettini fecero costruire intorno al X secolo nei pressi di una fontana pubblica. Originariamente l'edificio era dedicato alla Madonna dell’Arco, solo più tardi assunse il nome attuale.

Come riportato su Puglia Turismo, la fontana raccoglieva le acque sorgive provenienti dal piano comunale che, grazie ad un acquedotto sotterraneo trovavano sbocco proprio dinanzi alla chiesa.

La fontana un tempo era dotata di due vasche, che a causa di profonde lesioni della volta e degli alti costi di manutenzione il Comune fece demolire nel 1906. Questo provocò infiltrazioni, sia nei sotterranei delle abitazioni circostanti sia nelle fondazioni della chiesa stessa, che ne resero pericolante la struttura.

La chiesa nel corso degli anni subì diversi interventi di restauro; infatti, nel XVI secolo venne ampliata della famiglia De Sangro, principi feudatari della zona, mentre i lavori avvenuti tra il 1916 e il 1920 gli hanno dato l’attuale aspetto neo-romanico.

L'opera di restauro del 1973-1976 ne ha modificato profondamente l'interno, dove si trovano preziose tavolette votive in argento e un affresco, probabilmente cinquecentesco, raffigurante la Madonna con San Francesco d'Assisi e Sant’Antonio da Padova.

Solo nel 1810, con l’abolizione del feudalesimo, divenne proprietà del Comune di Torremaggiore.

Inoltre, la chiesa è stata eletta a Santuario diocesano nel 1960. In più, al posto della Fontana monumentale, nel 1990 venne costruito il monumento alla Madonna della Fontana.

Fonte: Puglia Turismo

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 17 gennaio, la Puglia torna 'arancione': cosa è consentito fare e cosa no

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento