rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
social Peschici

Nei cieli di Peschici il raggio di luce di 'San Michele Arcangelo'

E’ partito da Capo Passero e attraverserà l’intera Europa fino a Caponord. Il raggio di luce, ispirato alla spada di San Michele Arcangelo, è giunto oggi in Puglia e si è innalzato nel cielo di Peschici tra le fronde di ulivo

In un momento di drammatiche difficoltà, il regista lecchese Paolo Goglio desidera portare al mondo un segnale di speranza, un raggio innalzato nel cielo, ispirato alla spada di luce di S. Michele Arcangelo, recentemente proiettata dai padri rosminiani della Sacra Abbazia. "Sono stato alcuni giorni ad Avigliana per realizzare un documentario - racconta - e sono rimasto molto affascinato da questo faro che tracciava nell’oscurità un prezioso simbolo di pace, di luce e di amore. Ho ricevuto l’ispirazione di portare un raggio di luce nei cieli di tutta Europa e di realizzare un film per documentare la sfida. Sono partito dal punto più a sud d’Italia, Porto Palo di Capo Passero, dove ho proiettato il primo raggio di luce di fronte all’Isola delle correnti con una torcia di profondità da 135.000 lumen. Da qui ho iniziato a dirigermi verso il grande nord, ho attraversato Calabria, Basilicata, Campania e oggi sono giunto in Puglia, dove ho posizionato il mio camper tra gli ulivi del B&B Vila Sejuda di Peschici. Al chiaro di luna ho acceso il raggio di luce tra le fronde argentate, un messaggio di pace elevato al cielo.»

Dopo aver completato il perimetro della Sicilia, Paolo Goglio si è imbarcato con il camper e l’inseparabile cane Leone ed è giunto in Calabria, da cui ha iniziato a risalire la penisola. Attraversata la Basilicata e la Campania ha stazionato 4 giorni sul golfo di Mattinata realizzando splendide immagini della costa Garganica grazie al supporto di Felice Silvestri che opera nel settore turismo via mare.

Successivamente si è spostato nella zona di Peschici dove ha fatto sosta nell’uliveto dell’agriturismo b&b Vila Sejuda e nella notte, per congiungere un messaggio di luce e di pace, ha proiettato al cielo il raggio di luce. Nei mesi successivi attraverserà Italia, Francia, Belgio, Olanda, Danimarca, Svezia e Norvegia per giungere infine oltre il circolo polare artico, a Capo Nord.

Paolo Goglio, originario di Milano, sta realizzando un docufilm che sarà intitolato La linea del raggio di luce per illustrare il lungo viaggio. Dopo un interminabile periodo di fermo produttivo dovuto al lock-down ora il regista ha allestito un camper grazie al prezioso contributo di alcune associazioni, lo ha personalizzato caratterizzandolo con un’impronta femminile e infatti si chiama Gianna, un nome composto dall’unione di Gianni e Anna, suoi genitori. A completare l’equipaggio c’è anche Leone, un randagino di origini siciliane adottato da un canile. Il film dovrebbe essere proiettato in anteprima al salone del camper di Parma, la più importante fiera nazionale del settore plein-air.

Oltre alla preziosa simbologia del raggio di luce, il docufilm vuole evidenziare le principali peculiarità del viaggiare in camper, con particolare attenzione all’etica del camperista, rispettoso dell’ambiente che contraccambia, gratificandolo con la bellezza dei paesaggi e le emozioni della vita plein-air. In uno spazio aumentato il concetto di libertà acquista così un grande significato interiore che porta ad ampie riflessioni e considerazioni. I momenti alla guida si alternano molto dinamicamente, sottolineando anche la fase di preparativi tecnici e la cura degli allestimenti.

L’itinerario dall’estremo sud all’estremo nord vuole rappresentare anche un messaggio di unione e continuità territoriale, tracciando una rotta non solo geografica ma anche, soprattutto, una rotta interiore. “Quando giungono le tenebre” illustra Paolo Goglio “le navi si orientano grazie alla luce dei fari che indicano la rotta da mantenere per navigare al buio. Di giorno il faro non è necessario, perché c’è visibilità. Allo stesso modo ognuno di noi segue una rotta interiore che caratterizza il proprio percorso di vita, il proprio cammino. Quando siamo confusi, disorientati, sommersi dalle tenebre della sofferenza o della solitudine, ci sentiamo travolti dalle difficoltà e ci sembra di naufragare. Ma è sufficiente vedere uno spiraglio di luce, magari lontano, per trovare la forza di agire, reagire e proseguire ed è proprio questo il messaggio che desidero tramandare, affinché tutti possano seguire il proprio percorso di rinascita.”

Il videodiario del viaggio da Capo Passero a Caponord è pubblicato settimanalmente su Youtube, dove l’autore ha creato una playlist dedicata:

Paolo Goglio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nei cieli di Peschici il raggio di luce di 'San Michele Arcangelo'

FoggiaToday è in caricamento