rotate-mobile
social San Severo

Raffaella Bufalo vince il premio 'Antonino Borghi: è sua la miglior tesi sulla contabilità pubblica

È originaria di San Severo e attualmente funzionario di controllo contabile presso la sezione di controllo della Corte dei Conti Marche

È originaria di San Severo la vincitrice della quinta edizione del premio Antonino Borghi per la miglior tesi di laurea sulla contabilità pubblica.

Si è aggiudicata la vittoria la dottoressa Raffaella Bufalo, con la tesi 'Il ruolo del revisore dei conti negli enti locali sulla gestione e rendicontazione dei flussi finanziari e controlli legati all'emergenza covid-19 e Pnrr'.  La tesi discussa per conseguire la laurea magistrale in economia e management presso l'università d'Annunzio di Chieti, è stata scelta perché è stata ritenuta innovativa l’idea di comprendere le dinamiche del ruolo della revisione contabile negli enti locali alla luce dell’emergenza sanitaria da covid 19, la quale ha inciso profondamente sul sistema economico e sociale statale.

Infatti, la tesi sperimentale ha evidenziato che la figura del revisore contabile impegnata già ad innovarsi a seguito della riforma dell’armonizzazione del sistema contabile delle autonomie territoriali, sia stata investita di un’ulteriore responsabilità connessa alla gestione e rendicontazione dei flussi finanziari legati all’emergenza epidemiologica e al Pnrr.

“Dopo la laurea in Economia Aziendale - spiega la dottoressa Bufalo -, conseguita presso l'Università degli Studi di Foggia e dopo aver svolto per circa dieci anni un' attività lavorativa presso un’azienda sanseverese, ho deciso nel 2015 di concentrarmi su quella che era la mia formazione nonché passione, la contabilità pubblica”.

Attualmente la dottoressa Bufalo vive ad Ancona, è funzionario di controllo contabile presso la sezione di controllo della Corte dei Conti Marche, con specializzazione nel settore enti locali. “Il premio Borghi – prosegue la dottoressa Bufalo -, mi ripaga di tutti i sacrifici e che mi sprona ad andare avanti sulla mia strada. Anche se non è facile perché vivo ad Ancona con mio marito (anche lui sanseverese), e due bimbi di 9 e 2 anni e non è semplice conciliare gli impegni quotidiani visto che i nostri cari sono lontani, nella nostra amata San Severo. Tuttavia dico sempre a quanti mi chiedono il segreto di tali risultati, di non arrendersi alle prime difficoltà, ma puntare all'obiettivo, e andare avanti senza distrazioni. Cercando di uscire fuori dagli stereotipi che una mamma e moglie non può essere anche un'eccellente professionista. Con sacrificio e tanta pazienza si possono ricoprire entrambi i ruoli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffaella Bufalo vince il premio 'Antonino Borghi: è sua la miglior tesi sulla contabilità pubblica

FoggiaToday è in caricamento