Peschici, la bandiera blu orgoglio del Gargano

La storia, il territorio e i monumenti di Peschici, una delle città più caratteristiche di tutto il Promontorio del Gargano

Peschici è una delle città più apprezzate e visitate del Promontorio del Gargano. Insignita anche quest'anno della tanto ambita bandiera blu, ogni anno vanta centinaia di migliaia di turisti provenienti da ogni parte del mondo. Sorge su una splendida e affascinante rupe a picco sul mare, che regala panorami mozzafiato e suggestivi.

Peschici conserva molto della sua origine moresca legata alle incursioni arabe. Il borgo venne fondato nell'XI secolo da soldati slavi giunti per affrontare i saraceni; proprio in ricordo delle numerose invasioni di cui fu oggetto, ancora oggi restano le famose torri costiere che un tempo servivano per difendere il territorio dagli attacchi stranieri. 

Oltre al mare cristallino e alle splendide spiagge, questo paese, soprattutto per il suo centro storico ricco di locali, attrae piccoli e suggestivi ristoranti, dove è possibile gustare i piatti tipici della tradizione, e molte botteghe artigiane.

Se si percorre il tratto costiero che da Peschici porta a Vieste, il viaggiatore può ammirare i bellissimi trabucchi, antiche macchine da pesca utilizzate ancora oggi e composte da travi e pali con funi che sorreggono le reti dei pescatori.

Tra le cose che la rendono speciale, non c'è solo il mare ma anche la spettacolare veduta del sorgere e del tramonto del sole sull'Adriatico; inoltre, quando le giornate sono particolarmente belle e soleggiate è possibile scorgere le isole della Croazia e le vette più alte della Maiella.

Cosa vedere a Peschici

Oltre ai trabucchi, Peschici regala numerosi monumenti, botteghe e chiese di grande valore culturale e artistico.

La Chiesa della Madonna di Loreto

Edificata tra il XVI e il XVII secolo, sorge dove un tempo apparve la Madonna a un gruppo di marinai.

Abbazia di S. Maria di Calena 

Rilevante monumento del Gargano, l'Abbazia di S. Maria di Calena si trova a pochi chilometri da Peschici. Al suo interno si può ammirare la statua della Madonna con Bambino.

Chiesa di Sant'Elia

Datata XIII secolo, questa chiesa presenta una pianta a croce latina. Da non perdere al suo interno sono le iscrizioni latine, la navata, l'altare sormontato da una volta a crociera; mentre all'esterno vi sono due bellissimi rosoni.

Castello bizantino

Costruito dai Normanni durante la seconda metà dell'anno mille, il Castello è chiuso all'interno delle mura del Recinto Baronale. Sotto la dominazione di Federico II che edificò la torre nota come Rocca Imperiale, questa antica costruzione ritornò in auge.

Botteghe di artigianato

L'artigianato locale è legato alla lavorazione del cuoio, del ferro e, soprattutto, della terracotta; qui si producono vasi, piatti ornamentali, simboli del Gargano come il pesce e l'uccello, mini riproduzioni dei trabucchi e diverse tipologie di soprammobili. 

Una città unica, con tantissime meraviglie naturali, monumenti e costruzioni artistiche assolutamente da non perdere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonti: Wikipedia; Gargano.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Regionali Puglia: i risultati in diretta

  • Attimi di paura in via Monfalcone: aggrediti agenti della Locale, per aver chiesto di abbassare il volume della musica

  • Foggia fa il botto di consiglieri regionali: ecco i nomi dei 'Magnifici 10' che rappresenteranno la Capitanata in Puglia

  • Chi potrebbe andare a Bari: ok Piemontese e Tutolo. Incertezza nel centrodestra, in bilico anche Rosa Barone

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento