Domenica, 14 Luglio 2024
social Apricena

Robianna, il pane completamente senza nichel di Anna e Roberto: aperto il primo laboratorio in Italia

La prima pagnottella senza nichel, è prodotta da Anna Ciampoli e dal marito Roberto Lombardi, entrambi nativi di Apricena

Apricena è la sede del primo laboratorio di pane in Italia, completamente privo di nichel. Si producono panini senza nichel, glutine e lattosio. 'Robianna', la prima pagnottella senza nichel, è prodotta da Anna Ciampoli e dal marito Roberto Lombardi, entrambi nativi di Apricena.

A FoggiaToday, Anna ha rivelato alcune curiosità inedite: “Mio marito mi ha spronato in questo progetto che nasce da un desiderio di poter mangiare pane e pomodoro senza nichel ovviamente. Per noi del Sud è un piatto tipico ma per tanti allergici come me al nichel, al lattosio, agli zuccheri, intolleranti al glutine è quasi impossibile gustare. Ho una dieta molto rigida, anche se ogni tanto sgarro e pago le conseguenze ma siamo essere umani. Sono costretta a prepararmi tutto in casa. Per me anche andare a mangiare un gelato in gelateria è un problema".

La titolare del laboratorio ha aggiunto: "Prima di riuscire nella creazione del pane, mangiavo il riso in bianco come sostituto o le gallette di riso. Ero stanca, desideravo mangiare un qualcosa che assomigliasse al pane. Ma in commercio non si trovava nulla adatto alla mia condizione di salute e iniziai a fare tante, ma proprio tante prove per soddisfare il mio desiderio. Non è facile lavorare certe farine e il pane era duro, insapore e crudo. Mi ero intestardita che dovevo riuscirci la presi come una sfida personale. Desideravo tanto un pane che assomigliasse un poco a quello di frumento. Un giorno riuscii quasi nell'impresa e finalmente mi preparai, tutta felice, un bel pane e pomodoro. Fu un’emozione unica. E mentre mangiavo dissi a mio marito: "pensa a quanta gente potremmo aiutare con questo pane". E mio marito mi rispose che sarebbe stata una bella idea. Mai avrei pensato di aprire un laboratorio".

Tuttavia, non è stata un'impresa semplice: "Ho pensato molto alla produzione di un pane senza nichel, ma ero molto timorosa, una tale impresa non era facile. Quando feci assaggiare ai parenti e amici il mio pane ricevevo complimenti, ma anche consigli per migliorarlo, raccontai del mio desiderio di aprire un’attività e in tanti mi incoraggiavano ad andare avanti, anche per loro era una bella idea e tanta gente che ne aveva bisogno avrebbe potuto gustare un buon pane. Così ho studiato, lavorato per migliorare sempre di più nel risultato fino a quando è nata Pagnotella".

Un altro problema è stato quello di dove trovare i macchinari adatti, gli accessori, i detersivi etc etc: "Trovate tutte le soluzioni, l’idea iniziò nel 2019 con studi del mercato, fornitori, idee, consigli. Io e mio marito abbiamo avuto anche tante porte in faccia, ci hanno detto che eravamo pazzi in questa impresa. Ma siamo andati avanti, credendoci sempre di più e nel 2021 firmammo per acquistare un locale ad Apricena. Finalmente il 16 marzo abbiamo iniziato con la prima produzione".

La Conad di Apricena il primo cliente: "Abbiamo iniziato a vendere fin da subito ai negozi, dando alcune locandine pubblicitarie, in attesa che il ministero della salute ci desse la convenzione per i buoni dei celiaci. Le vendite stanno andando bene. La gente è contenta e la soddisfazione più bella è che mi chiamano o mi scrivono che hanno provato il pane e non sa assolutamente di riso, ma di pane normale. Chi lo compra lo fa assaggiare a tutti in famiglia. Sentirsi dire “mi sono leccata i baffi” è emozionante. Perché dietro c'è tanto lavoro e poi è fatto tutto a mano. Abbiamo aperto da meno di un mese e speriamo di poter fornire le nostre pagnottelle anche agli ospedali. Per il momento stiamo lavorando per i supermercati, negozi, ristoranti. Per le farmacie stiamo attendendo il codice dal ministero. Abbiamo scelto di non vendere online, perché non vendiamo al dettaglio. Abbiamo creato una pagina Facebook dove ci sono le spiegazioni, i video e le notizie varie".

Se le richieste dovessero aumentare, ci sarà bisogno di un aiuto. Intanto, "non esiste in Italia un laboratorio simile al nostro con macchinari senza nichel" precisano: "Siamo i primi ad aver dato vita al nostro pane che è il primo prodotto in commercio non esistono prodotti simili o uguali. Pagnottella è un pane a forma di panino perché non c’è un macchinario senza nichel per tagliarlo a fettine. A tavolino abbiamo pensato la maniera più comoda per mangiarla nei nostri pranzi, a scuola, al lavoro, nei picnic, in vacanza. Essendo un prodotto già cotto, basta solo scongelarlo e gustarlo. Per chi lo ama caldo come me, possiamo metterlo nel forno o nella friggitrice ad aria. Per scongelarlo rapidamente basta usare il microonde ed è fatta".

anna e roberto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Robianna, il pane completamente senza nichel di Anna e Roberto: aperto il primo laboratorio in Italia
FoggiaToday è in caricamento