menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto, VisitMontiDauni.it

Foto, VisitMontiDauni.it

Le Gole di Accadia, un patrimonio naturalistico di immensa bellezza nel cuore dei Monti Dauni

Le bianche pareti calcaree delle Gole di Accadia rappresentano un importante patrimonio naturalistico del nostro territorio

Le Gole di Accadia, note anche come Gole di Punta di Pietra, sono situate nel cuore dell'Appennino Dauno e custodiscono un meraviglioso e affascinante patrimonio naturalistico. 

Riconosciuta come zona protetta, queste si presentano come due pareti di roccia calcarea ripide e bianchissime, che vengono fuori dalla vallata del Torrente Frugno; la conformazione delle Gole di Accadia forma un vero e proprio scrigno naturalistico di incontaminata bellezza.

Nascosto tra la vegetazione delle gole si trova anche un bellissimo lago, che crea insieme a tutto il paesaggio circostante un ambiente misterioso e fiabesco, tenuto in vita dalle acque del torrente Frugno.

Proprio questo paesaggio così vario e vasto favorisce la nascita di diverse tipologie di piante e arbusti; infatti, in questa zona è possibile ammirare pioppi, salici piangenti e diverse specie di orchidee. Per quanto riguarda la fauna, le Gole di Accadia sono l'habitat naturale di sparvieri, picchi, passeri solitari, tassi e cinghiali. 

Questo paesaggio protetto è davvero incontaminato e, ancora oggi, si presenta al viaggiatore escursionista come un tempo, ossia selvaggio e primitivo. 

Come arrivare alle Gole di Accadia

Per giungere presso le fantastiche Gole di Accadia si può arrivare a piedi dall'omonimo paese, percorrendo un sentiero e facendosi guidare dagli esperti del territorio.Cosa ammirare durante la camminata verso le Gole? Oltre al paesaggio circostante che rapisce al primo sguardo, non perdetevi la Chiesa di Santa Maria Maggiore con la sua caratteristica fontana con l'edera.

Consulta qui l'itinerario per le Gole di Accadia

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento