La Foresta Umbra, il polmone verde della Puglia e luogo magico delle faggete patrimonio Unesco

La Foresta Umbra si estende lungo il Promontorio del Parco Nazionale del Gargano e rappresenta un vero e proprio polmone per l'intera regione

Il laghetto della Foresta Umbra

Estesa per ben 10.426 ettari la selvaggia Foresta Umbra domina il Parco Nazionale del Gargano. Uno dei luoghi più suggestivi e belli del nostro territorio, che vanta una storia millenaria. Questo polmone verde della Puglia ha mantenuto intatto tutto il suo aspetto vegetativo, ed è questa la sua più grande e preziosa caratteristica apprezzata da appassionati di flora e fauna, e non solo.

Il nome Foresta Umbra ha origini antiche; infatti, si ritiene che derivi da antiche popolazioni umbre che risiedevano all'interno della foresta stessa. Un enorme territorio, unico nel suo genere, caratterizzato da una grandissima varietà di alberi, piante e arbusti; un luogo fitto di vegetazione e habitat perfetto per tantissime specie animali. Non solo in estensione ma anche in altitudine, la Foresta Umbra domina il Gargano perché raggiunge gli 832 metri.

Il territorio

Si estende su quasi tutto il Promontorio del Gargano, tra Vico del Gargano, Vieste, Carpino, Monte Sant'Angelo e Peschici. Ciò che più colpisce e rapisce il visitatore è la varietà della flora, tanto che in alcune zone non accessibili all'uomo vi è uno stato di natura assolutamente selvaggio e incontaminato. All'interno della zona boschiva si è rapiti da alberi grandi e primordiali, primo fra tutti il faggio che crea fitte faggete vetuste Patrimonio Unesco per il valore biologico ed ecologico, i cerri e le antiche querce dal fascino ancestrale.

Il sottobosco, invece, varia a seconda delle stagioni: orchidee, pungitopo, biancospino, felci, anemoni e ciclamini, fino alle più variegate specie di funghi.

Ovviamente, in questo luogo così magico e mistico non mancano gli animali, tra cui annoveriamo i picchi, i cinghiali, le martore, gli scoiattoli, volpi, tassi etc... e tra i rapaci ricordiamo il gufo reale e il bellissimo falco pellegrino.

Ma il simbolo per eccellenza di questa terra è senza dubbio il capriolo garganico, una specie autoctona che si distingue per le dimensioni, il colore e l'assenza di macchie.

Visitare la Foresta Umbra

La Foresta Umbra è accessibile ai visitatori tramite sentieri segnati su mappe, durante i quali è possibile trovare riposo e ammirare il meraviglioso paesaggio, lasciandosi trasporare dai rumori del bosco e dei suoi animali. Inoltre, per le famiglie non mancano aree attrezzate, un punto ristoro e una zona con giochi per il divertimento dei più piccoli situata vicino un suggestivo laghetto.

All'interno della foresta vi sono anche un museo e Jacotenente, ossia un distaccamento dell'Aeronautica Militare e sede dei cacciatori pugliesi. Il museo naturalistico è situato presso il Centro Visitatori, vicino Monte San'Angelo, e qui è raccontata la storia, l'archeologia e l'aspetto vegetativo di questo meraviglioso cuore verde del Gargano.

Rispettare la natura

La Foresta Umbra è una zona protetta, una riserva naturale che merita di essere rispettata e salvaguardata. Quindi, chiunque voglia partire alla scoperta di questo fantastico angolo del Gargano, non deve dimenticare di rispettare l'ambiente circostante. 

Tra le novità del posto, inoltre, segnaliamo i corsi di educazione ambientale tenuti da guide qualificate e volti a informare sulla morfologia del territorio, la flora e la fauna locali, come usare le mappe e le bussole, e molto altro ancora.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

  • Ingerisce droga, neonata in coma a Foggia: "Monitoriamo parametri vitali, situazione stazionaria"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento