Università di Foggia, al via il dopo Ricci: Lorenzo Lo Muzio ufficializza la corsa. "Merito e apertura al territorio"

Presentate ieri le linee programmatiche presentate. Si attendono ora gli altri due candidati che hanno manifestato, Agostino Sevi e Pierpaolo Limone. Chi sarà il prossimo rettore?

Partecipazione, condivisione, crescita e merito: sono queste le parole chiave che introducono le linee programmatiche presentate ieri dal professor Lorenzo Lo Muzio per formalizzare la candidatura a Rettore dell’Università di Foggia per il prossimo sessennio 2019/2025. Si attendono ora quelle di Agostino Sevi e Pierpaolo Limone. Chi succederà a Maurizio Ricci?

"Un documento, nato da un processo di ascolto e dialogo con studenti, docenti e personale tecnico-amministrativo, che definisce sinteticamente gli interventi ritenuti fondamentali per iniziare un nuovo percorso di crescita da intraprendere come comunità coesa, unita, partecipativa. Un progetto fondato su una visione comune e non personale di Università, che vuole riconquistare un ruolo centrale nella vita culturale e politica della società a livello locale, nazionale ed internazionale" scrive Lo Muzio.

Nei suoi vent’anni di vita, l’Università di Foggia ha vivacizzato il panorama culturale della Capitanata, ha richiamato giovani da tutta Italia e, grazie all’Erasmus, studenti da altri Paesi Europei - dichiara -. Si è innescato un processo di crescita del territorio che deve trovare nuovi stimoli per non rallentare e arrestarsi. Foggia deve riscattarsi, trasformandosi da città che ospita una Università a Città Universitaria. In queste ultime settimane ho sentito forte l’istanza da parte della comunità universitaria di un cambiamento radicale che metta non al centro ma prima di tutto le persone, le competenze, la professionalità, le idee, i talenti, la creatività, la passione. Se sarò eletto Rettore, vorrei iniziare da loro e con loro: le persone che hanno costruito questa Università e che, con il loro impegno, il loro lavoro, il loro entusiasmo, continuano quotidianamente a renderla un’istituzione migliore. A tutti loro va il mio più sentito ringraziamento”.

Lorenzo Lo Muzio, nato a Foggia, classe 1959 è professore ordinario di Malattie odontostomatologiche. Direttore del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale (dichiarato dal MIUR Dipartimento di eccellenza nel panorama universitario nazionale) e Presidente del Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria, il prof. Lo Muzio, ricopre prestigiosi ruoli a livello nazionale e internazionale. Tra questi, è Vice-Direttore del Consorzio Interuniversitario Nazionale per a Bio-Oncologia, Presidente della SIPMO, Presidente della Conferenza Permanente dei Presidenti dei Corsi di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria, Componente dell’International Scientific Advisory Board dell’International Institute of Anticancer Research.

In 9 aree di intervento, il programma del prof. Lo Muzio abbraccia tutte le competenze ed i saperi presenti nell’Università di Foggia e li proietta verso una nuova dimensione più attenta all’innovazione, all’internazionalizzazione, al dinamismo, alla semplificazione, alla meritocrazia e ad uno sviluppo sostenibile, responsabile e integrato. Punti determinanti: una didattica innovativa e di qualità altamente professionalizzante per gli studenti e rispondente alle esigenze del mercato del lavoro, una ricerca scientifica sempre più internazionale e interdisciplinare capace di intercettare i finanziamenti a livello europeo e una rinnovata apertura al territorio e al mondo imprenditoriale.

Un programma che individua solo i primi passi di un lavoro da fare insieme - conclude il prof. Lo Muzio – come Comunità e come individui che contribuiscono alla crescita dell’Università di Foggia con determinazione, capacità, coraggio, volontà. Per una nuova storia da scrivere insieme!”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

Torna su
FoggiaToday è in caricamento