'Petrarca-Padre Pio' di San Severo, la scuola media dove a settembre si impara l'inglese giocando

E così che lo scorso 2 settembre ha preso il via il Bell English Camp, la full immersion in lingua inglese targata Bell Beyond che stanno vivendo i ragazzi delle elementari e delle medie attraverso la ben rodata formula della didattica unita al divertimento

Il Campus alla Petrarca-Padre Pio

Secondo Massimo Recalcati la scuola apre mondi: non è solo il luogo istituzionale dove si ricicla il sapere dello stesso, ma è anche il potere dell’incontro che trasporta, muove, anima, risveglia il desiderio. Ecco, la scuola media 'Petrarca-Padre Pio' ha fatto suo questo pensiero e ha aperto i propri spazi ai ragazzi di San Severo.

E così che lo scorso 2 settembre ha preso il via il Bell English Camp, la full immersion in lingua inglese targata Bell Beyond che stanno vivendo i ragazzi delle elementari e delle medie attraverso la ben rodata formula della didattica unita al divertimento. Infatti, il metodo adottato è ludico-didattico, stimola la produzione orale e motiva lo studente a esprimersi spontaneamente in inglese.

Il tema di quest’anno è “Fun in the sun!”, gioco e divertimento allo stato puro insomma. Le attività sono suddivise per età: c'è il gruppo “happy” della scuola primaria e il gruppo “wolves” della scuola media. Il camp inizia alle ore 9 e dopo il circle time dove si canta e si balla, i ragazzi rientrano in classe per le attività della giornata.

Il pranzo è a sacco e questo è un ulteriore momento di condivisione tra tutor e ragazzi sulle diverse tradizioni alimentari, senza interrompere l’interazione in inglese. Nel pomeriggio le attività proseguono come da programma fino alle 16:30. Insomma tra storytelling, talent show, gare sportive, gare di logica, caccia al tesoro e water games c'è da divertirsi ma al tempo stesso si conversa in inglese. Tutte le lezioni sono attivamente create per alimentare la curiosità dei partecipanti, svolte tutte in luoghi diversi, fra aule, auditorium, palestra e giardino, secondo una metodologia e un timetable studiato, al fine di alternare ogni momento in modo equilibrato. 

I tutors, Rachael e Toby, 23 e 21 anni, sono tutti di madrelingua inglese con abilitazione TEFL per l’insegnamento della lingua inglese come lingua straniera, hanno sostenuto una preparazione accademica in linea con il progetto e un training specifico dapprima online e successivamente pratico, al loro arrivo in Italia. Sono ospitati dalle famiglie e questa esperienza si è rivelata ricca di stimoli per tutti. Diversi i momenti di condivisione tra cene succulente e week-end al mare. Non si poteva sperare di meglio a detta di bambini e genitori, nonché della Camp Director.

Al termine del campo, sabato 14 settembre alle ore 09.30 presso l’auditorium del plesso Petrarca in via Togliatti si terrà il “Farewell party”, una festa finale dove i partecipanti si esibiranno in uno show appositamente adattato secondo le diverse età, dando così prova alle famiglie di quanto appreso durante l’English Camp. Insomma un vero party con tanto di rilascio attestato di partecipazione con il livello raggiunto dal partecipante nella comprensione e nella produzione in lingua.

La dirigente scolastica, la prof.ssa Carmen Fulvia dell’Oglio, orgogliosa dell’iniziativa, ha espresso gioia e soddisfazione nel vedere insieme alunni provenienti dagli istituti della nostra città e dei paesi limitrofi, ritenendo importate condividere alcuni progetti con il territorio, al fine di favorire nuove e significative relazioni interpersonali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento