Scuola

Scuola, Azzolina conferma: “Esami di stato in presenza”. Niente illusioni: “No al 6 politico, valutazione seria”

Per quanto riguarda, invece, gli esami di terza media, gli studenti dovranno scrivere un elaborato, discuterne online con il consiglio di classe che poi valuterà loro. Per farlo, avranno tempo fino al 30 di giugno

La ministra Azzolina

Gli esami di stato si svolgeranno in presenza, “garantendo il massimo della sicurezza” per gli studenti e per i docenti. Smentita ogni voce relativa al ‘6 politico’ o a ‘valutazioni di favore’ derivanti dalla pandemia in atto.

Così la Ministra Azzolina, in una conferenza stampa in streaming: "Abbiamo ritenuto fosse opportuno fare gli esami in presenza” spiega, difendendo la scelta del governo: “Ha agito tenendo chiuse le scuole. È stata una scelta sofferta ma così sono state salvate tante vite”, ribadisce. “Riaprile sarebbe stato più facile, ma non sicuro. Tenere chiuse le scuole è difficile perché' genitori, studenti e l'Italia intera vogliono ripartire, ma il senso di responsabilità ci impone ancora oggi la chiusura”.

La ministra garantisce massima serietà nella valutazione degli studenti. Quindi nessun ‘6 politico’, previste insufficienze (con possibilità di recupero) e bocciature nei casi più gravi. Per quanto riguarda, invece, gli esami di terza media, spiega, "abbiamo ascoltato le richieste delle scuole, ovvero dilatare nel tempo le procedure d'esame. Gli studenti dovranno scrivere un elaborato, discuterne online con il consiglio di classe che poi valuterà loro. Per farlo, avranno tempo fino al 30 di giugno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, Azzolina conferma: “Esami di stato in presenza”. Niente illusioni: “No al 6 politico, valutazione seria”

FoggiaToday è in caricamento