I.c.s Carapelle, assegnati due riconoscimenti alla III D e all'insegnante Tancredi per 'Art Club' e 'For a Habitable World'

I principali riconoscimenti eTwinning sono di due livelli: nazionale ed europeo. Entrambe le tipologie di riconoscimento sono basate su criteri di qualità condivisi in tutti i paesi eTwinning e eTwinning Plus.

Due riconoscimenti nazionali eTwinning Qualità Label sono stati assegnati alla classe III D e alla insegnante Anna Carla Lucia Tancredi dell'I.c.s. Carapelle, con la dirigenza del prof. Umberto Ranauro, per i progetti internazionali 'Art Club' e 'For a Habitable World'.

Insegnare con eTwinning significa anche inserirsi in un sistema di riconoscimenti e certificazioni internazionali per i risultati dei progetti particolarmente efficaci, ottenendo visibilità e prestigio al lavoro svolto in classe e ricevendo premi da poter condividere con colleghi, alunni e tutto lo staff scolastico.

L’obiettivo primario, oltre a quello di riconoscere il valore dell’attività didattica del singolo docente, è quello disseminare e condividere le buone pratiche di progetto attivate dai docenti.

I principali riconoscimenti eTwinning sono di due livelli: nazionale ed europeo. Entrambe le tipologie di riconoscimento sono basate su criteri di qualità condivisi in tutti i paesi eTwinning e eTwinning Plus. 

Criteri di Qualità eTwinning

I 5 Criteri di Qualità condivisi a livello europeo per l’assegnazione dei Certificati di Qualità e dei Premi nazionali ed europei in tutti i Paesi della community eTwinning sono

1) Innovazione pedagogica e creatività

Gli aspetti chiave di questo criterio sono: gli obiettivi educativi e gli approcci pedagogici adottati.

Il progetto ha obiettivi specifici, rilevanti, raggiungibili e con scadenze temporali ben definite. Le attività del progetto sono basate su innovativi metodi pedagogici. A seconda del contesto e dell’età degli alunni, il progetto promuove attività che mettono al centro gli alunni incoraggiandoli ad essere creativi, autonomi, responsabili e non semplicemente nella posizione di mettere in pratica le idee dell’insegnante.

2) Integrazione curricolare

Gli aspetti chiave di questo criterio sono: l’integrazione curricolare in una o più discipline, l’approccio multidisciplinare, le competenze chiave e le abilità.

Il lavoro del progetto è integrato nel curricolo e nei programmi di studio delle varie materie coinvolte. La maggior parte del lavoro è svolto durante l’orario scolastico ed è parte integrante delle attività scolastiche. Il progetto sviluppa strategicamente le competenze degli alunni come richiesto nelle varie materie. Il progetto coinvolge discipline diverse nell’ambito della stessa scuola e degli istituti partner. In generale l’approccio multidisciplinare si riflette negli obiettivi, in una serie di attività e in alcuni prodotti.

3) Collaborazione tra scuole partner

Gli aspetti chiave di questo criterio sono: le strategie di coordinamento tra gli insegnanti, le strategie per la collaborazione tra alunni e la creazione di prodotti comuni.

Un gemellaggio è collaborativo quando entrambe le classi hanno bisogno del contributo dell’altra classe partner per completare le attività previste. Le attività di collaborazione vanno al di là della comunicazione, con i partner che sono co-autori e co-creatori di contenuti e prodotti; l’interazione diventa quindi concreta e tangibile. Ecco alcuni esempi di prodotti finali svolti in collaborazione: un giornale, un report, una sintesi di tutti gli  argomenti trattati durante un progetto, una raccolta di lettere scritte su un determinato argomento, un libro di ricette, una raccolta di poesie, un’opera d’immaginazione (un giallo, fiabe, un fumetto, un film…), ecc. Inoltre gli insegnanti partner del progetto delineano un piano di lavoro comune con scadenze e attribuzione di ruoli e compiti per la realizzazione delle attività. Gruppi di alunni di scuole differenti lavorano a un prodotto comune, alcune o tutte le attività sono organizzate in modo tale che gli alunni delle diverse scuole/nazionalità siano impegnati in dibatti e confronti.

4) Uso della tecnologia

Gli aspetti chiave di questo criterio sono: la scelta e l’uso delle TIC (tutti gli strumenti tecnologici e digitali), la gestione dell’area di lavoro (TwinSpace o simile), il rispetto delle regole sul trattamento dei dati personali (GDPR) e diritto d’autore (copyright)

La tecnologia può dare un valore aggiunto al progetto, perciò le TIC dovrebbero essere state usate in modo tale da garantire il raggiungimento degli obiettivi pedagogici. Il progetto sfrutta la tecnologia come elemento facilitatore di interazione autentica e di collaborazione tra i partner di progetto, e per favorire la creazione di contenuti. Si tengono in debita considerazione tutte le problematiche relative alla privacy, alla sicurezza in internet e al diritto d’autore. L’integrazione di strumenti TIC offre l’opportunità di potenziare sia le abilità digitali che le competenze di cittadinanza digitale.

5) Risultati, impatto e documentazione

Gli aspetti chiave di questo criterio sono: il raggiungimento degli obiettivi prefissati, la valutazione del progetto e la disseminazione e l’impatto.

I risultati e l’impatto di un progetto eTwinning devono essere documentati per dare evidenza dei prodotti e dell’organizzazione del progetto stesso. La documentazione deve riguardare: il modo in cui vengono presentate le attività online, il coinvolgimento degli alunni nella piattaforma, le attività collaborative, oltre all’impatto che ha avuto sulle competenze di alunni, insegnanti, personale scolastico e, più in generale, nei contesti esterni alla scuola. La documentazione offre una panoramica completa e trasparente di tutti gli elementi del progetto così che gli stessi partner di progetto e altri soggetti interessati possano imparare da questo.

I progetti eTwinning di alta qualità hanno inoltre un impatto positivo sia sulle abilità degli insegnanti che sulle abilità e conoscenze degli alunni, e questo è stato misurato attraverso attività di valutazione. Infine, viene reso pubblico e condiviso quanto realizzato: vengono fornite informazioni sul progetto agli altri colleghi del proprio istituto, alla comunità scolastica nel suo complesso, alle famiglie, alle istituzioni e associazioni del territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova ordinanza di Emiliano sulle scuole in Puglia: "Quella che sto per emanare rinnova le disposizioni in vigore"

  • Zona gialla in Puglia ipotesi "elevata". Verso il ritorno dell'autosegnalazione: "Magari con la prenotazione del tampone"

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento