rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Scuola

PretenDiamo Legalità: la Questura di Foggia vince per la terza volta

Si è svolta ieri mattina, modalità live streaming con le questure e gli istituti scolastici interessati, la cerimonia nazionale di premiazione del progetto-concorso 'Pretendiamo legalità' promosso dal dipartimento di pubblica sicurezza in collaborazione con il ministero dell’istruzione

Si è svolta l'altroieri mattina, modalità live streaming con le questure e gli istituti scolastici interessati, la cerimonia nazionale di premiazione del progetto-concorso 'Pretendiamo legalità' promosso dal dipartimento di pubblica sicurezza in collaborazione con il ministero dell’Istruzione. L’iniziativa, giunta alla sua V edizione, ha lo scopo di promuovere tra i più giovani il valore della legalità, attraverso i temi del rispetto delle regole, del corretto utilizzo della rete internet e della costituzione che, insieme all'amicizia, alla libertà e alla solidarietà, rappresentano le basi per la crescita dei cittadini di domani e per la costruzione di una società responsabile.

Per questa edizione si è scelto di puntare anche sull'importanza della tutela dell'ambiente che ha portato gli studenti a riflettere sui 17 obiettivi dell'agenda 2030, definiti dall'organizzazione delle nazioni unite per lo sviluppo sostenibile del pianeta.

La questura di Foggia, risultata per la terza volta su tre partecipazioni vincitrice del concorso, ha selezionato, tra tutti i lavori realizzati dalle scuole, quello della scuola primaria 'San Ciro' classi 4^ sezioni A e C 'tutti insieme per cambiare il mondo' attinente ai 17 obiettivi definiti dall’Onu per lo sviluppo sostenibile del pianeta, la tutela degli animali e il rispetto dell’ambiente.

Le classi della scuola San Ciro sono risultate vincitrici nella categoria arti figurative con un manufatto dal forte impatto visivo, un cubo trasparente al cui interno vi sono rappresentati in 4 scenografie le conseguenze dei danni all’ambiente commessi dalla trascuratezza dell’uomo. Dal foro centrale posto sulla faccia superiore  i bambini di tutto il mondo, ucraini e russi a fianco,  con delle funi legate ad un mappamondo tirano su verso la salvezza la terra.

Il progetto nasce con l’obiettivo di educare alla legalità attraverso la diffusione della cultura dei valori civili quali il rispetto delle regole, la solidarietà e l’inclusione che rappresentano fondamentali punti di riferimento per la crescita dei cittadini di domani e per la costruzione di una società giusta ed equa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PretenDiamo Legalità: la Questura di Foggia vince per la terza volta

FoggiaToday è in caricamento