Dopo 47 anni tornano tra i banchi di scuola: emozione all'Istituto 'Giannone' di Foggia, ex studenti si riabbracciano

L’iniziativa promossa da tre ex studenti diplomatisi nel 1972, Adriano Vladimiro Chinni, Rosaria Lucrezia Lops e Mauro Pignatelli e condivisa da altri 27 amici

Succede all’Istituto “Pietro Giannone” di Foggia. L’iniziativa promossa da tre ex studenti diplomatisi nel 1972, Adriano Vladimiro Chinni, Rosaria Lucrezia Lops e Mauro Pignatelli e condivisa da altri 27 amici. Tutti, molti provenienti da fuori regione, decidono di tornare sui banchi di scuola e parlare delle proprie esperienze scolastiche e professionali agli studenti di oggi. La Dirigente scolastica, dott.ssa Roberta Cassano e la professoressa Giovanna Baiardi, hanno accolto favorevolmente e con entusiasmo la proposta dagli ex alunni di voler confrontare e fondere momenti formativi distanti circa mezzo secolo. “Ritornare alla fonte della cultura scolastica è uno straordinario e magnifico esempio di riconoscimento verso l’operato e la funzione didattica degli insegnanti” dicono i tre promotori.

Con la loro visita al “Pietro Giannone” gli ex studenti si sono prefissi di raggiungere due significativi obiettivi che sperano siano stati raggiunti: da una parte confrontarsi con le nuove generazioni e raccontare l’importanza dell’apprendimento scolastico quale indispensabile bagaglio formativo e propedeutico all’avvio nel mondo del lavoro, dall’altro testimoniare la propria gratitudine per quanto hanno ricevuto in eredità dalla scuola. Riferendosi ai principi di diffusione della cultura, come indicato nei programmi dell’agenda 2030 dell’UNESCO gli alunni della 5^ F del 1972 hanno voluto sottolineare l’importanza dell’incontro portando in dono alla scuola un quadro contenente una copia anastatica della Divina Commedia trascritta nel 1888 dal goriziano Francesco Cossovel in micro calligrafia su unico foglio.

Un dono che vuole testimoniare riconoscenza e l’indissolubile legame che unisce l’istruzione scolastica ai ragazzi che abbandonano i banchi per avviarsi ad essere protagonisti nel mondo del lavoro e della società.

Particolarmente emozionante sono stati i pochi momenti vissuti nella loro vecchia e mai dimenticata scuola grazie anche alla presenza di un, ormai pensionato, docente che insegnava proprio in quel periodo ed alla graditissima presenza di un nutrito numero di giovani studenti che hanno interagito con gli ospiti ponendo intelligenti e pertinenti domande sui percorsi formativi, lavorativi e di esperienza. Momento solenne è stata la donazione del quadro che ha suscitato emozione e curiosità tra i presenti, molti dei quali hanno voluto constatare personalmente quanto scritto in micro grafia leggendo alcuni versi del Sommo Poeta grazie all’ausilio di un ingranditore di immagini consegnato unitamente alla Divina Commedia. Prima di congedarsi due ex alunne del 1972, Francesca Maffei e Francesca Paola D’Andola hanno consegnato un bouquet di fiori alla Dirigente Roberta Cassano ed alla professoressa Giovanna Baiardi che hanno ricambiato donando ad ognuno dei vecchi alunni la spilletta dell’Istituto Pietro Giannone ed un bellissimo libro sulla storia della scuola. All’uscita dell’edificio, in fase di ristrutturazione, gli ex alunni della 5^ F commossi hanno voluto fare una foto di gruppo così come era abitudine nel 1972 prima di proseguire e continuare il loro incontro presso un locale della città.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento