Ecco 'Gioca le tue carte', il metodo innovativo made in Foggia che 'smantella' pregiudizi e stereotipi di genere

Uno strumento innovativo da utilizzare principalmente nelle scuole per trattare temi quali bullismo e cyberbullismo, violenza contro le donne, sessualità, abusi, razzismo, omofobia, discriminazioni, linguaggio d'odio

Si chiama 'Gioca le tue carte', ed è il kit di giochi formativi rivolto a ragazze e ragazzi per contrastare tutte le forme di discriminazioni. Il progetto, ideato da Matilda editrice in collaborazione con il comitato di redazione di Donne in rete e con il supporto di molte associazioni partner di tutt'Italia, è stato presentato in anteprima nazionale proprio a Foggia, città che lo ha visto nascere.

'Gioca le tue carte' svela, sotto forma di gioco e attraverso un sistema coinvolgente, il modo in cui s’impattano e si replicano, spesso inconsapevolmente, gli atteggiamenti e i comportamenti stereotipati. È, dunque, uno strumento innovativo e unico nel suo genere, da utilizzare principalmente nelle scuole, medie inferiori e superiori (non escludendo anche, per alcune attività basate sulle emozioni, gli ultimi anni della primaria), per trattare temi quali bullismo e cyberbullismo, violenza contro le donne, sessualità, abusi, razzismo, omofobia, discriminazioni, linguaggio d'odio, una serie di tematiche che solitamente vengono trattate separatamente. 

VIDEO | Gioca le tue carte: cos'è e come funziona

L’esperienza editoriale comune tra Matilda Editrice e l’associazione Donne in Rete, gli incontri con insegnanti e, soprattutto, con le giovani generazioni, hanno rilevato quanto forti siano le connessioni fra i vari e molteplici pregiudizi e quanto sia facile, ad esempio, che una fake news possa essere scambiata per vera e produrre così danni irreparabili. Come fare? Come proteggersi? Soprattutto, quali sono le modalità che possano puntare su un ruolo attivo delle scolaresche? A queste domande risponde Gioca le tue carte. Il kit è stato immaginato, infatti, proprio per individuare le connessioni tra le varie forme di discriminazione e offrire molteplici possibilità per riflettere, prendere coscienza e reagire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attraverso una forma lieve e uno schema semplice e appassionante, il progetto contiene poliedriche fattibilità e differenti livelli di approfondimento, tali da poter essere declinati in vari contesti e realtà formative. Non è una novità la collaborazione tra Matilda Editrice e Donne in Rete. Il progetto 'Gioca le tue carte' segue, infatti, altre fortunate collaborazioni. Ricordiamo 'La grammatica la fa... la differenza!', il libro per bambine e bambini sull'importanza di nominare il femminile, 'Sguardi Differenti', un testo che ha anticipato molte questioni ancora aperte come il “gender” e l’alienazione parentale e che ha ottenuto il premio nazionale Mariateresa Di Lascia 2017 nella sezione saggistica, 'Disamorex, chiamarlo amore non si può', un originalissimo similfarmaco per contrastare la violenza contro le donne, presentato e diffuso in circa diecimila copie in tutto il territorio nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Giornata drammatica, bollettino choc per la provincia di Foggia: nove morti e 52 casi positivi

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • Piero Pelù, rocker innamorato in quarantena a Foggia: "Sono corso da Gianna appena in tempo, in due ci diamo forza"

  • Incendio sulla 'pista', vigili del fuoco accerchiati e derubati delle attrezzature: notte di follia a Borgo Mezzanone

  • Il Coronavirus fa paura davvero: 15 vittime in Puglia di cui 10 nel Foggiano, 22 nuovi contagi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento