Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

eTwinning 'Art club', anche il Comprensivo di Carapelle ha partecipato al progetto internazionale

eTwinning è la più grande community di insegnanti per la collaborazione tra scuole nell’ambito delle azioni del programma Erasmus+. Il progetto della II D dell'insegnante Tancredi del Comprensivo di Carapelle

 

Si è concluso con il webinar del 4 giugno il progetto eTwinning 'Art club' con tema cultura e arte al quale hanno preso parte gli alunni della II D guidati dalla loro insegnante Tancredi Anna Carla Lucia Tancfredi, del Comprensivo di Carapelle sotto la dirigenza del prof. Umberto Ranauro, “sempre attento e partecipe a tutte le iniziative e progetti che coinvolgono alunni e genitori”.

Hanno partecipato le scuole di Italia, Albania, Portogallo, Belgio, Croazia, Polonia, Macedonia del Nord, Repubblica di Moldavia, Slovenia, Azerbajian, Turchia, Ucraina, Georgia e Romania.

Chi vi partecipa può contare su un ambiente online fornito di strumenti pensati per facilitare la collaborazione e lo scambio idee, in uno spazio multilingue e multiculturale che consente il coinvolgimento diretto dei docenti e degli alunni nelle attività di progetto, a fianco di altri compagni stranieri.

A disposizione anche uno spazio di lavoro sicuro – chiamato TwinSpace – sul quale è possibile impostare e svolgere le attività. Il progetto dei eTwinning promuove l’innovazione, l’utilizzo delle tecnologie nella didattica e la creazione condivisa di progetti didattici multiculturali tra istituti scolastici di paesi diversi, sostenendo la collaborazione a distanza fra docenti e il coinvolgimento diretto degli studenti. A tutto si aggiunge l’utilizzo della lingua inglese per tutti.

Partendo dall’analisi tematica di opere d’arte antiche e moderne, mediante anche l’uso di immagini proiettate all’inizio del progetto, si è arrivato ad analizzare l’alfabeto base dell’arte dotando gli alunni degli strumenti necessari alla comprensione e all’apprezzamento delle arti visive contemporanee. Strumento principe dell’azione didattica è stato il laboratorio pratico, inteso come momento del fare, in cui i bambini diventano agenti attivi del proprio apprendimento sperimentando molteplici tecniche artistiche, fino alla sperimentazione dei linguaggi più contemporanei, e producendo elaborati personali e collettivi migliorando il pensiero originale, la creatività, capacità di fiducia in se stessi. La caratteristica che ha contraddistinto questo progetto è stata quella di non arrendersi nei giorni di permanenza a casa, per rispettare le misure di contenimento del Coronavirus.

La creatività degli alunni ha contagiato anche le famiglie. Non ci si può muovere, ma la mente ha potuto viaggiare e con essa la creatività che ha oltrepassato ogni limite, ogni barriera, ogni confine. E’ la forza dell’Arte che vince anche questi difficili momenti e che diventa fattore di contagiosa positività.

OBIETTIVI FORMATIVI

Sviluppare armonicamente la personalità dei bambini insegnando a valorizzare se stessi e gli altri, migliorando la conoscenza di sé; saper riconoscere e comunicare le proprie emozioni; promuovere un primo livello di alfabetizzazione intesa come acquisizione critica dei linguaggi visivi, conoscendone gli elementi e le differenze, attivando l’espressione e la comunicazione delle esperienze, nonché la decodificazione e l’interpretazione delle immagini, e consolidando progressivamente la competenza comunicativa; potenziare la creatività espressiva che è carattere comune a tutti gli individui ed è educabile; incentivare la maturazione del gusto estetico, in modo da rendere sempre più ricca la comprensione del messaggio e dell’emozioni veicolate dalle opere d’arte; organizzare l’ambiente scolastico fornendo di una adeguata varietà di materiali e di strumenti al fine di sperimentare le differenti tecniche espressive;
riconoscere e usare gli elementi del linguaggio visivo: il segno, la linea, il colore, lo spazio, il movimento, la materia; utilizzare le tecniche grafiche e pittoriche, manipolare materiali plastici e polimaterici a fini espressivi; educare al bello, al gusto estetico, bambini ed insegnanti; far passare, specialmente agli insegnanti, il concetto di valorizzazione degli elaborati dei bambini attraverso l’allestimento delle loro opere.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento