menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il 'Dada Day'

Il 'Dada Day'

A Foggia come nelle high school americane: il 'Dada Day' all'istituto Foscolo conquista tutti (anche i genitori)

L'istituto foggiano adotta la nuova formula didattico-educativa, con nuove metodologie e strumenti, e sollecita nei bambini la curiosità, lo stupore e la meraviglia che le nuove generazioni spesso stentano a trovare

Una vera e propria esplosione di emozioni ha accompagnato il 'Dada Day' dell’Istituto Foscolo, l'open day di venerdì scorso dedicato alla visione innovativa della comunità educante in movimento della prima scuola Dada di Foggia.

Armadietti come in una high school americana per muoversi più leggeri tra i diversi laboratori, una didattica basata su ambienti di apprendimento, sull'inclusione e sull'acquisizione delle competenze chiave dei cittadini del futuro: questo è ciò che i nuovi iscritti troveranno il prossimo anno alla Foscolo. Numerosissimi gli studenti e i genitori che hanno affollato l'auditorium e i corridoi della scuola di via Baffi, in cui il saper fare è protagonista assoluto.

L'istituto, che ha come fiore all'occhiello i corsi di strumento dell'indirizzo musicale e l'orchestra Di Nota in Nota e i numerosi eventi che affiancano le attività curriculari, pone al centro di tutto gli allievi. Sono stati, infatti, gli stessi ragazzi, capitanati dal sindaco junior della città di Foggia Mattia Fusillo, a raccontare ai loro amichetti di quinta elementare le loro emozioni nell'affrontare questo nuovo percorso Dada, la scuola senza zaino, e ad accompagnarli tra le diverse stimolanti attività.

Questa nuova formula didattico-educativa integrata negli ambienti di apprendimento, con nuove metodologie e strumenti, sollecita nei bambini la curiosità, lo stupore e la meraviglia che le nuove generazioni spesso stentano a trovare. La proposta dell'istituto ha già conquistato studenti e famiglie e continua ad incuriosire tutti coloro che ne vengono a conoscenza. Il ringraziamento della dirigente, infine, si rivolge all’Università degli Studi di Foggia, per l’attenzione che sta riservando al progetto e per gli ulteriori riscontri scientifici che ne verranno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lopalco: "Puglia zona gialla non è liberi tutti"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento