menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola, la Regione Puglia pronta a riproporre la facoltà di scelta della Dad. "I rischi esistono come in ogni altro luogo di comunità"

Il governatore Emiliano, in vista del ritorno in classe previsto per il 7 gennaio, ha convocato per domani una riunione con gli assessori e i sindacati per discutere la bozza della nuova ordinanza che dovrebbe ricalcare la precedente

La Regione Puglia intende riproporre l'ordinanza che prevede la facoltà di scelta della didattica a distanza. Questo è l'orientamento di massima ma la bozza, in vista della riapertura delle scuole in programma il 7 gennaio, sarà discussa con i sindacati in una riunione convocata per domattina dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, insieme agli assessori all'Istruzione Sebastiano Leo, alla Sanità Pier Luigi Lopalco e ai Trasporti Anita Maurodinoia.

“Prima di emanare l’ordinanza - dichiara il presidente Emiliano - ci teniamo a incontrare le rappresentanze del mondo della scuola, come ci siamo a impegnati a fare, per condividere con loro la nostra impostazione e raccogliere il loro punto di vista”.

Con tutta probabilità, dunque, il nuovo atto ricalcherà il precedente. La Regione vuole continuare a dare la possibilità agli studenti delle scuole pugliesi di ogni ordine e grado (dalle elementari alle superiori), e alle loro famiglie, di scegliere la Dad. "Questo - si legge nella nota che annuncia l'incontro - alla luce dell’attuale quadro epidemiologico, rispetto al quale l’attenzione resta alta. E perché si ritiene, in tempo di pandemia, che le famiglie debbano poter decidere di non esporsi ai rischi derivanti dalla frequenza obbligatoria a scuola, rischi che in classe esistono come in ogni altro luogo di comunità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento