La "Generazione Z" nuova linfa per i poli museali: successo per l'alternanza scuola-lavoro al MAT di San Severo

Gli studenti della classe quinta AAA del 'Pestalozzi' sono stati coinvolti nelle attività quotidiane, dalla didattica laboratoriale all’accoglienza degli utenti, oltre che in due progetti di ampio respiro in cui hanno potuto mettere in pratica le competenze acquisite durante gli anni scolastici

L'alternanza scuola-lavoro

Si è concluso con successo il progetto di Alternanza Scuola-Lavoro, presso il MAT Museo dell'Alto Tavoliere, che ha visto coinvolta la classe V AAA del Liceo Polivalente “Pestalozzi”, diretto dal dirigente scolastico Elisabetta De Finis.

L’iniziativa, promossa dall’Amministrazione Comunale - attraverso l'Assessorato alla Pubblica Istruzione, nella persona di Simona Venditti e l'Assessorato al Museo, nella persona del sindaco Francesco Miglio - ha permesso agli studenti di svolgere una parte del proprio percorso formativo presso il locale museo civico sperimentando le dinamiche di organizzazione e gestione dell’importante centro culturale.

La classe, dal 4 all’8 febbraio, ha messo in pratica il programma elaborato dallo staff del MAT in collaborazione con la referente di progetto Mariantonietta d’Amico, il tutor scolastico Annamaria Bevilacqua ed infine il tutor aziendale Elena Antonacci. Nelle trenta ore settimanali (consistenti in cinque ore di formazione e le restanti in attività pratica) dedicate al progetto di Alternanza Scuola Lavoro, gli alunni sono stati guidati dall’intero personale del MAT (Anna Coppola, Giuseppe Di Iorio, Valeria Fatone, Valentina Giuliani, Graziano Urbano e Antonello Vigliaroli).

Nello specifico gli studenti sono stati coinvolti sia nelle svariate attività quotidiane, come la didattica laboratoriale e l’accoglienza agli utenti in visita, sia in due progetti di ampio respiro in cui hanno potuto mettere in pratica le competenze acquisite durante gli anni scolastici. In particolare, suddividendosi in due gruppi di lavoro, hanno elaborato dei progetti di riallestimento e riqualificazione urbana avendo a disposizione come oggetto di tali azioni lo spazio antistante il MAT, definito piazza san Francesco, e un altro ambiente contiguo all’Archivio Splash! Andrea Pazienza, in cui hanno potuto proporre delle soluzioni di allestimento per una possibile esposizione di opere artistiche.

Le idee progettuali e il loro sviluppo su pianta sono state valutate positivamente sia dal personale docente, tutor scolastico, che dalla direzione e dagli operatori culturali che operano all’interno del museo. Anche questo progetto di Alternanza Scuola-Lavoro risponde appieno alla mission del MAT Museo dell'Alto Tavoliere, che fonda i progetti del museo sulla partecipazione attiva e diretta dei giovani, mirando a coinvolgere gli alunni nei processi di conoscenza, tutela e valorizzazione del patrimonio culturale.

Il progetto di alternanza così modulato nasce infatti come riflessione sulle nuove tecniche di comunicazione di una struttura museale e ha come finalità la riorganizzazione funzionale dello spazio esistente all’interno della sede del MAT ed il rapporto tra Museo e lo spazio circostante costituito dal centro storico. La Direzione del MAT è profondamente convinta, in conclusione, che i ragazzi rappresentino una risorsa importante per il museo, in quanto si auspica che la loro appartenenza alla “Generazione Z” concorra a diversificare le attività museali ed a coinvolgere maggiormente il cosiddetto “non pubblico museale”, ovvero il mondo degli adolescenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Testimonianza choc, la compagna del 38enne ucciso: "E' stato il bambino". Giornalista costretto a cancellare immagini

Torna su
FoggiaToday è in caricamento