Salute

Vaccini Anti Covid, Puglia sempre in cima per dosi somministrate. Lopalco: "Obiettivo completare le fasce di rischio più alte"

Focus sempre sulle persone fragili: "Ci sono 19mila persone che non risultano ancora vaccinate". Nel Foggiano sono oltre 196mila le persone che hanno ricevuto almeno la prima dose, quasi 81mila quelle 'immunizzate'.

Sono 1.793.593 le dosi di vaccino anticovid somministrate sino ad oggi in Puglia (dato aggiornato alle ore 17.30). 

Nello specifico, la prima dose è stata somministrata al 91,5% degli over 80 (dato Italia: 89,3%), all'84 dei pugliesi tra i 70 e i 79 anni (dato Italia: 75,9%) e al 60% dei cittadini tra i 60 e i 69 anni (dato Italia: 54,1%). 

In Puglia - dichiara l’assessore alla sanità Pier Luigi Lopalco - la campagna vaccinale procede a un ritmo elevato, con oltre il 90 per cento delle dosi somministrate rispetto a quelle consegnate. Stiamo mettendo in sicurezza i target prioritari per fragilità ed età, mantenendoci sopra la media nazionale, come evidenziano i dati. La maggior parte dei pugliesi estremamente vulnerabili sono stati raggiunti, ma da un’analisi aggiornata ad oggi ci sono 19mila persone di questa fascia prioritaria che non risultano ancora vaccinate. Le ragioni possono essere diverse, come è noto le persone più fragili devono ricevere il vaccino o dal loro medico di medicina generale o dal centro specialistico di cura. Il nostro obiettivo adesso è raggiungerle una per una telefonicamente attraverso una ricerca attiva da parte delle Asl e mettere nelle condizioni chi lo desidera di avere subito il vaccino. Come da indicazioni del Commissario Figliuolo, parallelamente alla vaccinazioni per fasce di età, sarà facilitata la vaccinazione della cosiddetta “categoria 4” del piano vaccini, ovvero le persone di età inferiore ai 60 anni con comorbidità senza quelle particolari connotazioni di gravità riportata per i soggetti estremamente vulnerabili”. 

Nel Foggiano sono 277.194 le somministrazioni effettuate in provincia di Foggia dall'avvio della campagna vaccinale anti COVID. Di queste, 196.239 sono le prime dosi e 80.955 le seconde. 

Continuano a pieno ritmo le attività negli hub, nei centri vaccinali e ad opera dei medici di medicina generale per la vaccinazione sia degli ultracinquantenni che delle persone estremamente vulnerabili. 

Il prossimo martedì 18 maggio, dalle ore 10,00 alle ore 18,00, gli hub vaccinali allestiti nei presidi ospedalieri di Cerignola e Manfredonia e il punto vaccinale di San Severo (in via De Palma) saranno aperti a sportello, cioè senza prenotazione, per le persone affette da malattie rare e per i relativi caregivers/familiari conviventi. 

Per gli stessi, inoltre, continua l'attività quotidiana di somministrazione presso i punti vaccinali del Policlinico Riuniti di Foggia e dell'IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo secondo la programmazione interna.

Nel dettaglio: ad oggi, sono 35.044 le persone estremamente vulnerabili che hanno ricevuto la prima dose; di queste, 12.569 anche la seconda. Vaccinati con la prima dose 12.706 caregivers/familiari conviventi. Di questi, 5.453 hanno ricevuto anche la seconda dose. 

Le persone ultraottantenni che hanno ricevuto la prima somministrazione sono 36.564; di queste, 31.287 hanno ricevuto anche la seconda dose. Inoltre: hanno ricevuto la prima dose di vaccino 44.864 persone di età compresa tra 79 e 70 anni e, di queste, 8.777 anche la seconda. Hanno ricevuto la prima dose 50.229 persone di età compresa tra 69 e 60 anni e, di queste, 10.255 hanno ricevuto anche la seconda dose.  Hanno ricevuto la prima dose anche 27.481 persone di età compresa tra 59 e 50 anni e, di queste, 11.791 hanno fatto la seconda somministrazione. Hanno concluso il ciclo vaccinale 4.632 operatori scolastici su un totale di 15.646 che hanno ricevuto la prima dose. I medici di medicina generale hanno somministrato, ad oggi, 71.413 dosi di vaccino. La giornata di ieri si è conclusa con 5.520 somministrazioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini Anti Covid, Puglia sempre in cima per dosi somministrate. Lopalco: "Obiettivo completare le fasce di rischio più alte"

FoggiaToday è in caricamento