Domenica, 14 Luglio 2024
Salute San Giovanni Rotondo

Prevenzione tumori testa-collo: successo per le visite gratuite a Casa Sollievo della Sofferenza

È stato uno dei 130 centri italiani che dal 18 al 22 settembre ha aderito a ‘Make Sense Campaign’, la campagna europea di educazione e sensibilizzazione alla prevenzione dei tumori del distretto testa-collo

Successo per la tappa a San Giovanni Rotondo di ‘Make Sense Campaign’, la campagna europea di educazione e sensibilizzazione alla prevenzione dei tumori del distretto testa-collo, promossa in Italia dall’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica. Sono stati 118 i pazienti che hanno usufruito, nella settima dal 18 al 22 settembre, delle visite di controllo gratuite presso Casa Sollievo della Sofferenza grazie ai medici dell’Unità di Chirurgia Maxillo-Facciale e Otorinolaringoiatria

Di questi 118 pazienti – ha sottolineato Teodoro Aragona, medico dell'Unità di Chirurgia Maxillo Facciale Otorinolaringoiatria dell'Ospedale di San Giovanni Rotondo e referente del progetto – 11 sono stati rimandati ad ulteriori accertamenti, 3 con lesioni precancerose. Le campagne di prevenzione hanno proprio questo scopo, informare i pazienti sui fattori di rischio, sui sintomi e favorire diagnosi precoci che si traducono in trattamenti tempestivi con alte probabilità di risoluzione della malattia, nel lungo periodo”.

Disponiamo delle più moderne tecnologie diagnostico-terapeutiche per la gestione di queste patologie complesse. Da diversi anni – ha sottolineato Lazzaro Cassano, medico responsabile dell'Unità di Chirurgia Maxillo Facciale Otorinolaringoiatria dell'IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza – utilizziamo sistemi di endoscopia diagnostica ad alta definizione, chirurgia laringea con laser a CO2 per i tumori della laringe nella fase iniziale e robot chirurgico Da Vinci per alcuni tumori dell'orofaringe e della laringe. Siamo anche in grado di intervenire con varie soluzioni chirurgiche per le varie sottosedi di tumori del testa-collo, come i tumori laringei (cordectomie, laringectomie parziali ricostruttive, laringectomie totali con recupero vocale mediante protesi fonatoria), i tumori del cavo orale (asportazioni complete del tumore con successiva chirurgia ricostruttiva con lembi liberi vascolarizzati) e i tumori nasali mediante chirurgia endoscopica. Competenza, esperienza, uso di tecnologie e metodiche innovative che si riflettono anche nei numeri. Da gennaio a settembre sono stati già trattati 133 casi di pazienti con tumori del distretto testa-collo, provenienti dalla Puglia e dalle regioni limitrofe”.

Per tumore cervico-cefalico (o del distretto testa-collo) si intendono tutti i tumori che si sviluppano nell’area della testa e del collo ad esclusione di occhi, orecchie, cervello ed esofago. Questo tipo di tumore tende a colpire maggiormente gli uomini (che hanno un’incidenza da due o tre volte superiore rispetto alle donne) e le persone di età superiore ai 40 anni, ma le diagnosi fra le donne e gli under 40 sono in aumento.

I principali fattori di rischio per lo sviluppo dei tumori della testa e del collo (in particolare per quelli del cavo orale, dell'orofaringe, dell'ipofaringe e della laringe) sono alcol e tabacco, che si stima siano responsabili del 75% delle incidenze della malattia; il rischio è esponenzialmente più alto per le persone che fanno uso di entrambi. Altri fattori di rischio sono rappresentati dalla cattiva igiene orale e dall’insufficiente consumo di frutta e verdura. Alcune forme di tumore dei seni paranasali hanno una maggiore incidenza nei lavoratori del legno (falegnami, parquettisti), mentre per alcuni tipi di tumori della testa e del collo sono un fattore di rischio le infezioni da tipi cancerogeni di Papilloma Virus umano (HPV).

I sintomi da attenzionare – se persistono per almeno tre settimane – sono il dolore alla lingua, le ulcere che non guariscono, le macchie rosse o bianche in bocca, il dolore alla gola la raucedine persistente, il dolore e la difficoltà a deglutire, il gonfiore del collo, il naso chiuso da un lato e la perdita di sangue dal naso.

Un sintomo per tre settimane è, infatti, la regola da tenere sempre a mente quando si tratta dei carcinomi cervico-cefalici, spesso ignorati o associati a malattie stagionali come un comune mal di gola o un raffreddore. Una rapida comprensione delle avvisaglie della malattia è cruciale per una diagnosi precoce, in presenza della quale il tasso di sopravvivenza sale all’80-90%, contro un'aspettativa di vita di soli 5 anni per coloro che scoprono la malattia in fase avanzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prevenzione tumori testa-collo: successo per le visite gratuite a Casa Sollievo della Sofferenza
FoggiaToday è in caricamento