Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un sms, nuove possibilità: la piccola Beatrice testimonial della raccolta fondi della Fondazione Policlinico Gemelli

C'è anche la piccola Beatrice Russo, foggiana, tra i testimonial dell'ultima campagna di raccolta fondi con sms solidale per la Fondazione del Policlinico Gemelli. La campagna è partita sulle reti Rai con il numero solidale 45587 per realizzare il Centro di riferimento nazionale per la disabilità pediatrica al Policlinico universitario Agostino Gemelli Irccs di Roma.

 

Fino al 27 aprile sarà possibile donare 2 o 5 euro per dare realtà al progetto che ha l’obiettivo di assistere a 360° bambini con patologie complesse e disabilità e le loro famiglie grazie a un percorso sociosanitario dedicato nel quale all’assistenza medica multidisciplinare e alla ricerca clinica sarà affiancato uno specifico percorso sociosanitario.

Il valore della donazione è di 2 euro per ciascun Sms inviato da cellulari Wind Tre, Tim, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce, Tiscali. E’ di 5 euro per le chiamate da rete fissa Twt, Convergenze, PosteMobile e di 5 e 10 euro da rete fissa Tim, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali. “La disabilità pediatrica - dice il professor Eugenio Maria Mercuri, coordinatore del progetto e direttore della Neuropsichiatria infantile al Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS - è un insieme di patologie per lo più rare caratterizzate da un impatto sociale molto rilevante a causa della cronicità, del grado di compromissione funzionale e della ripetuta necessità di contatti con i servizi”.

Patologie differenti tra loro, “ma legate da percorsi comuni che riguardano sia problematiche di tipo clinico (neurologiche, alimentari, gastroenterologiche, respiratorie, ortopediche) che di vita quotidiana (scuola, organizzazione del lavoro e della famiglia, codici di esenzione)”. Al centro della cura non c’è solo il bambino, ma l’intero nucleo familiare, e la complessità delle problematiche assistenziali di questi pazienti non si limita solo all’ambito medico specialistico, ma richiede una presa in carico socio-sanitaria integrata ed efficace. Obiettivo del progetto implementare azioni di formazione e informazione sulle diverse patologie, promuovere la ricerca clinica nel campo delle malattie che si manifestano in età pediatrica e implementare gli aspetti sociosanitari che riguardano il bambino e l’intero nucleo familiare.

Beatrice - con la sua mamma Pina e il fratellino Alessandro - è testimonial per l'associazione ASAMSI Onlus, nata nel 1985 per riunire tutte le persone affette da SMA, Atrofia Muscolare Spinale, e le loro famiglie. Opera su tutto il territorio nazionale promuovendo manifestazioni ed eventi per raccogliere fondi da destinare alla ricerca. "Abbiamo accettato con entusiasmo - afferma Pina Carretta - dopo un primo momento di riflessione. E' necessario promuovere la ricerca e la sensibilizzazione dell'opinione pubblica".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento