Nascite più naturali e meno dolorose: lo 'sgabello olandese' entra nella sala parto di San Severo grazie a una donazione

L'ausilio, donato all'unità operativa di Ostetricia e Ginecologia del presidio ospedaliero di San Severo, è un dono dell’associazione “Mirko Valerio Emanuele” di Torremaggiore

L'equipe con lo sgabello olandese

L’Associazione “Mirko Valerio Emanuele” di Torremaggiore ha donato all’unità operativa di Ostetricia e Ginecologia del presidio ospedaliero di San Severo uno sgabello olandese.

Utilizzato da tre decenni in molte strutture ospedaliere in tutta Europa, lo sgabello è stato progettato per sostenere le donne in posizione accovacciata, sia in travaglio che nella fase conclusiva del parto aiutandole a partorire nel modo più naturale. Nato dalla lunga esperienza delle ostetriche olandesi, il supporto aiuta a sentire meno il dolore: durante il travaglio la donna può alternare la posizione seduta a posizioni più erette come camminare, dondolare o piegarsi in avanti per mantenere una buona irrorazione dei tessuti.

È stato, infatti, dimostrato che il movimento spontaneo e le posizioni erette facilitano la progressione del travaglio e del parto, riducendo la percezione del dolore. Durante la fase conclusiva la donna può essere sostenuta dal partner. In questo modo ha la possibilità di ricevere sostegno fisico, rassicurazione e incoraggiamento.

Alla cerimonia di consegna hanno partecipato la direzione medica e amministrativa di Presidio, il personale della Unità Operativa, dal direttore Paolo De Marzo al dirigente responsabile Leonardo Columpsi, e il gruppo delle ostetriche coordinate da Maria Forte. Durante la cerimonia, le ostetriche hanno ringraziato la Direzione Generale, la direzione medica e quella amministrativa di Presidio per il sostegno che quotidianamente garantiscono a tutte le iniziative, finalizzate al miglioramento continuo del servizio.

IMG-20181127-WA0012-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento