rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Salute San Giovanni Rotondo

Posti letto 'Casa Sollievo', Palese: "Abbattimento deve essere concordato con la Regione"

L'audizione in Commissione Sanità della Regione Puglia

Per l’assessore regionale Rocco Palese l’abbattimento dei posti letto in programma a Casa Sollievo della Sofferenza, deve essere concordato con la Regione. L’assessore alla Sanità ha poi precisato che nessuno degli enti ecclesiastici presenti sul territorio avrebbe superato il tetto di spesa.

La Regione Puglia ritiene l’ospedale di San Pio una struttura indispensabile, che ha gli stessi problemi che hanno tutte le strutture sanitarie private accreditate. Sul limite invalicabile stabilito nel 2011 da Governo Monti sul tetto di spesa, Palese ha aggiunto: “Un problema nazionale che va rimosso. Abbiamo massima attenzione a questo tema”.

Il consigliere regionale di Forza Italia Napoleone Cera, che sulla questione ha chiesto l’audizione che si è svolta oggi in III Commissione, sembra non voler affatto farsi trascinare dagli entusiasmi del piano strategico 2023-25 e dalle parole di Gino Gumirato: “I numeri raccontano una realtà ben precisa: con i pensionamenti e un turn over che si attiverà solo per il 35% delle posizioni, ci saranno 300 dipendenti in meno”. Sulla riduzione dei posti letto, secondo il consigliere regionale di San Marco in Lamis, sarebbe stata esposta la seguente tesi: “Poiché si supera la media regionale e nazionale della degenza media dei pazienti, puntiamo a ridurla e, di conseguenza, il taglio ai posti letto sarà “indolore”. E ancora, scrive, “si prevedono per i prossimi anni 51 milioni di euro di prestazioni erogate in più, come riuscirci non è dato saperlo, visto che ci sarà meno personale in servizio”. Cera ritiene le risposte deludenti: “L’ospedale di San Pio è un’eccellenza per la Puglia e per l’Italia e la sua mortificazione danneggerebbe enormemente la popolazione del Gargano, che potrebbe essere costretta, in caso di depauperamento, a percorrere centinaia di chilometri per raggiungere un ospedale. Non lo consentiremo. Non mollo”.

Sulla questione, a margine della commissione Sanità svoltasi questa mattina a Bari, portata all’attenzione del ministro della Sanità Schillaci, è intervenuto nuovamente il consigliere regionale dei Fratelli d’Italia, Giannicola De Leonardis: “Emiliano metta mano al portafoglio e, anziché sperperare denaro pubblico come nel caso dell’ospedale Covid alla Fiera del Levante o nel destinare spiccioli per l’abbattimento delle liste di attesa, si faccia carico del rilancio di Casa Sollievo della Sofferenza a San Giovanni Rotondo. La Regione deve rendersi conto di alcuni dati semplici e incontrovertibili: l’ospedale di San Giovanni Rotondo sfora il tetto di spesa perché, come suo dovere, eroga prestazioni spesso andando a sopperire alle carenze di altri ospedali. In più genera mobilità attiva da altre regioni italiane e dall’estero producendo addirittura utili che non gli vengono però riconosciuti. L’assessore Palese deve mettere in campo tutti gli sforzi possibili per sostenere un ospedale che, nei giorni scorsi, è stato collocato al 33esimo posto nella classifica dei migliori ospedali italiani, primo del Sud Italia, stilata dalla rivista americana ‘Newsweek’. Peccato che nella Puglia della sanità colabrodo di Emiliano, l’ospedale sia classificato come di primo livello anziché di secondo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Posti letto 'Casa Sollievo', Palese: "Abbattimento deve essere concordato con la Regione"

FoggiaToday è in caricamento